1

KHACHAPURI VEGAN: BARCHE DI FOCACCIA GEORGIANA RIPIENA DI CREMA FORMAGGIOSA

🇬🇪É UN piatto tipico della Georgia, molto diffuso anche in🇷🇺 Russia.

🥖Letteralmente significa “pane di formaggio”

🍕Si tratta quindi di un piatto povero, adatto al popolo, proprio come la pizza italiana. In Georgia è frequente trovarlo non solo al ristorante ma anche nei negozi, da consumare come spuntino durante la visita di città e villaggi.

Il khachapuri georgiano viene anche definito “la pizza al formaggio della Georgia”

Non è una pizza – ovviamente! – anche se la somiglianza con la nostra “pizza bianca”

È una focaccia ripiena, fatta solitamente con farina e yogurt o kefir, con all’interno del formaggio !!!

Inoltre le versioni di questa focaccia-pizza sono tante e diverse a seconda della regione della Georgia da cui proviene, anche se ciò che non manca mai, ovviamente, è il formaggio.

Questa mia versione vegana del khachapuri è fatta con tofu e formaggio di anacardi , con un risultato ed un sapore anche più raffinati !!!

La sua forma, simile a quella di una gondola o di una barchetta, lo rende anche scenografico, ideale per stupire i vostri ospiti.

Ecco i passaggi per prepararlo.

Ingredienti:

Per l’ impasto

  • 150 gr di farina di farro
  • 200 gr di farina di kamut
  • 150 gr di farina integrale
  • 1 bustina di lievito secco in polvere ( 35 gr , io ho usato pasta madre con lievito)
  • 1 cucchiaino sciroppo di agave
  • 200 ml di latte di mandorle ( o acqua)
  • 50 gr di yogurt di soia al naturale
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di olio evo + altro per ungere e spennellare

Per la “salsa di formaggio”

  • 65 gr di anacardi in ammollo per 6 ore circa e sgocciolate
  • 150 gr di tofu
  • 240 ml di latte di mandorle, soia , o acqua
  • 3 cucchiai scarsi di amido di mais
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di noce moscata
  • ½ carota piccola, tritata
  • 1 cucchiaio di lievito alimentare
  • 1/2 cucchiaino di salsa di soia o tamari
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • 1 cipolla, tritata finemente
  • ½ cucchiaino d’aglio granulare
  • Un pizzico di cumino macinato

Per l’ assemblaggio/guarnizione finale

  • 2 cucchiaini di latte veg
  • olio evo
  • 1 cipolla essiccata tritata ( facoltativo io non l’ho messa )
  • semi di sesamo ( facoltativo io non li ho messi )
  • peperoncino (facoltativo io non l’ho messo )

Preparazione

  • Preparazione Impasto:
  • 1. Mescolare le farine, il lievito, lo sciroppo di agave, lo yogurt, e latte di mandorle.
  • 2. Aggiungere il sale e l’olio, continuare a impastare per circa 10 minuti fino ad ottenere un impasto morbido e gradevole, metterlo in una ciotola, ungere un po’ dall’alto e dai lati, coprire e lasciare lievitare per almeno 2 ore in un luogo caldo fino al raddoppio del volume ( io lasciato lievitare per circa 6 ore, poi avevo tempo ed ho messo impasto in frigo per una notte ,ma se non avete tempo o voglia di aspettare potete omettere questa fase e passare alla fase successiva)
  • 3. Dividere l’impasto in palline e far lievitare ancora per circa 30 minuti.
  • Preparazione del ripieno:
  • 1. Tritare finemente gli anacardi bagnati in un robot da cucina o in un mini frullatore con 1/4 del latte veg scelto fino a ottenere una consistenza molto liscia.
  • 2. Aggiungere agli anacardi il tofu, 3/4 restanti di latte veg, la carota tritata,il lievito alimentare , l’olio,la cipolla tritata ,l’aglio granulare , l’amido di mais, il sale , il cumino,la salsa di soia e la noce moscata.
  • 3. Mescolare bene fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi.
  • 4. Trasferire il composto in una piccola casseruola e cuocere un po’ mescolando continuamente (in modo che non bruci) fino ad ottenere una consistenza morbida di formaggio.
  • Assemblaggio del piatto:
  • 1. Stendete ogni pallina di pasta in un rettangolo sottile (lo spessore qui è importante). Se l’impasto è appiccicoso potete aggiungere un po’ di farina per renderlo comodo da lavorare.
  • 2. Spalmare il formaggio di anacardi sull’impasto, arrotolare i bordi su entrambi i lati fino a un terzo del rettangolo su ciascun lato e stringere i bordi a forma di barchetta.
  • 3.Con 500 gr di farina potrete ricavare due “barche” grandi o 3 medie al cui centro porrete il formaggio . Chiudete i bordi in modo da formare un bel cornicione (alto almeno 2 cm)
  • 4. Aggiungere altro ripieno di formaggio nello spazio creato come risultato della forma che si è formata.
  • 5. spennellare i bordi con olio evo e latte veg e guarnire generosamente con cipolla tritata , cospargere generosamente con semi di sesamo e scaglie di peperoncino a piacere .
  • 6. Cuocete il Khachapuri vegano nel forno preriscaldato statico a 200°C per circa 10/12 minuti ,Terminate la cottura quando i bordi hanno assunto il colore della crosta della pizza dorata. 

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :
👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai
🌱mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 ☘seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog




FOCACCIA DI KAMUT E FARRO AI PORRI ,UVETTA ,OLIVE ED ERBETTE AROMATICHE

L‘impasto a lunga lievitazione per la focaccia che ti propongo oggi è uno di quelli che annoterai una volta e dal quale non ti separerai più. Una di quelle ricette col trucco che potrai usare quando il già poco tempo a disposizione sembra non bastare mai.

Infatti, questa focaccia di kamut e farro, prevede sì molte ore di lievitazione ma pochissimo sforzo per realizzarla.

Mentre sarai in altre faccende affaccendato il lievito si prenderà cura delle farine. Dopo aver steso l’impasto (uno dei pochi compiti che ti spettano) questo sarà pronto per essere farcito o semplicemente condito con un filo di olio, sale e perché no, qualche erba aromatica.

Organizzati con un giorno di anticipo per impastare dieci minuti. Dopodiché riponi l’impasto in frigorifero per tutta la notte.

La mattina seguente estrai dal frigo l’impasto e lascialo a temperatura ambiente per qualche ora . Dimenticatelo. Quando il suo volume sarà raddoppiato sarà pronto per la seconda lievitazione in teglia.

Ora ti aspettano altri 5 minuti di duro lavoro, ovvero oliare una teglia e stendere la focaccia. Lasciala riposare intanto rosola i porri.

In men che non si dica avrai portato in tavola una fragrante focaccia di kamut e farro ai porri.

INGREDIENTI per 4 persone

Per l’impasto

  • 250 g di farina di kamut
  • 250 g di farina di farro
  • 5 g di lievito di birra fresco o 2 g di lievito di birra disidratato
  • 280-300 ml di acqua tiepida
  • la punta di un cucchiaino di sciroppo di agave o zucchero
  • un pizzico di sale

Per la farcitura

  • 300 g di porri
  • qb uvetta sultanina ammollata in acqua tiepida
  • lievito alimentare q.b.
  • qb olive taggiasche
  • qb olive nere
  • 6 foglie di alloro
  • 2 rametti di rosmarino
  • 10 foglie di salvia
  • olio evo
  • sale

COME PROCEDERE

  1. Prepara l’impasto per la focaccia con un giorno di anticipo.
  2. In una ciotolina, sbriciola il lievito, aggiungi lo zucchero/sciroppo di agave e 100 ml di acqua tiepida (il resto tienilo da parte) e mescola con una forchetta fino a che non si sarà sciolto completamente.
  3. Lascia che il lievito si attivi. Se utilizzi il lievito disidratato ti basterà aggiungerlo alle farine.
  4. Nel frattempo, in una terrina mescola le farine e il sale.
  5. Aggiungi l’acqua con il lievito e amalgama bene. Aggiungi gradualmente anche il resto dell’acqua, continuando a mescolare.
  6. Impasta per qualche minuto fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.
  7. Ungi con un goccio d’olio una terrina capiente e versaci al suo interno l’impasto.
  8. Copri con pellicola per alimenti, o con un canovaccio pulito o come me usa un contenitore ermetico con coperchio e conserva in frigorifero per tutta la notte.
  9. La mattina seguente, riporta la terrina con l’impasto a temperatura ambiente e lascialo lievitare (ci vorrà qualche ora).
  10. Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume, lavoralo per qualche minuto e poi stendilo nella teglia unta con un filo di olio. Lascialo lievitare nuovamente per almeno 30 minuti in luogo tiepido.
  11. Prepara la farcitura.
  12. Pulisci i porri e tagliali a rondelle sottili.
  13. Versa un filo di olio in una padella e rosola i porri fino a che diventeranno lucidi e morbidi.
  14. Aggiungi l’uvetta ben strizzata, mescola,aggiungi poco sale e cuoci per qualche minuto.
  15. Prendi la teglia con la focaccia ormai lievitata e cospargi la sua superficie con una generosa spolverata di lievito alimentare
  16. Copri con i porri ,uvetta e qualche oliva.
  17. Trita finemente le erbette, in modo che conferiscano sapore ma non rimangano pezzi troppo grossi e distribuiscile sulla focaccia.
  18. Irrora con un filo di olio
  19. lascia nel forno spento , solo con luce accesa fino alla cottura ( basteranno anche un paio di ore )

COTTURA

La temperatura per preparare la focaccia è differente in base al tipo di forno che possedete.

  • In forno statico la temperatura ideale è 180° gradi; dovrete far cuocere la vostra focaccia per circa 25- 30 minuti.
  • In forno ventilato potete aumentare la temperatura a 230° gradi circa e cuocere per 10/15 minuti.

Ricordatevi di controllare sempre lo stato della cottura della vostra focaccia: dovrà essere leggermente dorata in superficie.

Servi la focaccia calda o tiepida con un’insalata di stagione.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!




QUICHE LORRAINE VEGAN

Questa alternativa vegan della classica Quiche Lorraine francese vi farà letteralmente impazzire!

Un’esplosione di gusto difficile da resistere.

La Quiche Lorraine è fondamentalmente una torta salata aperta con una base di pasta brisée o pasta frolla o pasta sfoglia ripiena di un composto cremoso.

Al giorno d’oggi realizzare una versione totalmente Vegan è un’impresa davvero facile.

Può essere servita calda o fredda, come piatto unico o antipasto ed è un alimento da festa popolare servito in tutto il mondo.

La quiche è conosciuta come un classico piatto francese, ma in realtà è originaria della Germania . La parola stessa deriva dalla parola tedesca “kuchen” che significa torta. Le origini della quiche risalgono al medioevo, a Lothringen, città sotto il dominio tedesco che i francesi ribattezzarono Lorena.

Per la mia versione vegan farò una PASTA BRISÈ VEGAN AL FARRO E KAMUT con un ripieno di RAGÙ CON GRANULKARE DI SOIA INSAPORITO CON SALSA TAMARI , che mi è rimasto dopo la preparazione dei Gyoza

Ingredienti per 8 porzioni

Per una tortiera da 26cm circa

  • ▢185 g  farina di farro bio
  • ▢40 g  farina di kamut bio 
  • ▢1 cucchiaio di timo tritato 
  • ▢un pizzico di sale
  • ▢3 cucchiai olio extra vergine di oliva o di semi
  • ▢75 g acqua fredda 
  • farina di mais per infarinare la teglia

Ingredienti ripieno ( vedi ricetta Gyoza )

  • GRANULARE DI SOIA
  •  zucchina verde
  • CAROTA
  • PISELLI
  • CIPOLLA
  • BRODO VEGETALE
  • SALSA TAMARI
  • Sale q.b.

ricotta di soia ( qui trovate la mia ricetta semplicissima)

lievito alimentare per insaporire la superficie.

Istruzioni

  • In una ciotola, unite le farine, il rosmarino ed il sale. Infine versate l’olio e impastate per amalgamare gli ingredienti.
  • Aggiungete l’acqua un poco alla volta e impastate a mano per qualche minuto.
  • Formate una palla, ricoprite con pellicola e lasciate riposare 10-15 minuti in frigorifero.
  • Stendete l’impasto tra due fogli di carta forno e disponetelo su una tortiera o teglia da forno precedentemente oleata e infarinata con farina di mais. Questo semplice procedimento vi permetterà di estrarre la torta salata dello stampo senza correre il rischio di romperla.    
  • Bucherellate la base della torta con una forchetta
  • Farcite con il ripieno unito alla ricotta di soia.
  • Condite la superficie della torta salata con il lievito alimentare e un goccio d’olio e infornate a 180°C per 30 minuti circa o fino a quando sarà dorata e ben cotta anche sul fondo.
  • Sfornate, lasciate intiepidire leggermente e servite.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!




” TORTA SALATA VEGAN, con peperoni , zucchine , funghi , ricotta di soia e panna veg “

INGREDIENTI base pasta matta

La pasta matta è un impasto senza lievito, ottima quindi per chi ha intolleranze , ed un’alternativa più leggera alla pasta sfoglia,è veloce e comunque versatile…Potete prepararla con qualsiasi farina desideriate !

Io adoro La pasta matta ( o chiamatela anche pasta brisé all’olio)è un semplice impasto di farina, olio extravergine, un pizzico di sale e l’acqua necessaria per ottenere l’impasto.

La pasta matta , è vegan e integrale, inoltre essendo facilissima e molto molto veloce da preparare rende la ricetta ancora più versatile.

Da usare sia per salati che dolci , per gusto e consistenza assomiglia alla Pasta Brisee ma con pochi grassi, quindi molto più leggera; e si può utilizzare subito senza riposo in frigo! Inoltre si stende sottilissima senza rompersi; per questo particolarmente adatta a realizzare ” farciti “.

La pasta brisé all’olio o pasta matta è un impasto facile da realizzare ed essendo piuttosto neutro nel sapore si può usare per crostate salate, quiche, torte salate ripiene, tartellette, strudel, e tutto ciò che vi suggerisce la fantasia 🙂

Una volta cotta assume una consistenza croccante e friabile al morso!

Essendo composta principalmente da acqua e farina, e non necessitando di lievitazione è molto usata nelle ricette povere e antiche della tradizione.

E, dato che ce lo chiediamo spessissimo, si può tranquillamente congelare!

Quantità per una torta salata da 28 cm

  • • 100 gr di farina kamut bio
  • • 100 gr di farina di farro bio
  • • 50 gr di farina avena bio
  • • 100 gr di acqua a temperatura ambiente
  • • 4 cucchiai d’olio extravergine
  • • sale rosa dell’Himalaya
  • •1 cucchiaio di spezie a scelta come timo, origano rosmarino.. oppure una manciata di erbe fresche come basilico, prezzemolo .

INGREDIENTI RIPIENO

  • • ricotta di soia fatta in casa ( in fondo all’articolo la ricetta di quella che faccio io in casa )
  • • 1 zucchina
  • • 1 peperone piccolo
  • funghi champignon freschi
  • • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • • 1 cipolla o scalogno
  • • 2 cucchiai di olio evo
  • • 2 cucchiai di lievito alimentare
  • • 1 cucchiaino di curcuma
  • • 2 cucchiai di panna di soia fatta in casa ( in fondo all’articolo la ricetta di quella che faccio io in casa )
  • • 2 cucchiai di farina di ceci
  • • 150 ml di acqua
  • • wurstel vegan
  • • sale rosa dell’Himalaya
  • • Pepe

Come fare la Pasta Matta

  • -Prima di tutto, disponete la farina a fontana, aggiungete l’acqua, l’olio e il sale.
  • Impastate con le mani partendo dal centro e inserendo a poco a poco farina laterale verso le parti liquide.
  • Infine impastate raccogliendo tutti gli ingredienti con movimenti energici fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo aggiungete le spezie e sigillate in una pellicola per alimenti.
  • Lasciate riposare 30 minuti prima di stendere l’impasto
  • -Trascorso il tempo indicato potete stendere senza riposo in frigo e senza aggiungere farina! con l’aiuto del mattarello.

Prepariamo il ripieno

  • -Intanto saltiamo la zucchina, il peperone , funghi e la cipolla tagliati a tocchetti piccoli , salati e pepati,
  • -aggiungiamo il concentrato di pomodoro ed un cucchiaino di curcuma.
  • -In una ciotola versate la farina di ceci e unite l’acqua mescolando con una frusta formando una pastella.
  • Aggiungete metà della panna, un cucchiaio di lievito alimentare , sale , olio extravergine d’oliva e amalgamate bene il tutto.
  • A questo punto possiamo condire la nostra torta salata.Una volta raffreddate le verdure saltate, unire la ricotta di soia fatta in casa che avete in precedenza condito con sale e spezie che più desiderate.
  • Disponete la pasta matta all’interno di una tortiera mettendo sul fondo la carta forno, bucherellate bene il fondo con una forchetta .
  • Versate le verdure che avete mescolato con la ricotta, e poi versate sopra la pastella distribuendola in modo uniforme , il wurstel a rondelle e poi tagliate i bordi della pasta sfoglia in eccesso .
  • Condite la superficie della torta salata con la restante panna ed il restante lievito alimentare e un goccio d’olio e infornate a 180°C per 30 minuti circa o fino a quando sarà dorata e ben cotta anche sul fondo. Sfornate, lasciate intiepidire leggermente e servite.

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate potete iscrivervi anche al mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici

https://www.facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog/?ref=share

Se ti è piaciuta questa ricetta metti un #like e commenta sotto l’articolo !!!

https://viaggieassaggifelici.blog/2021/01/25/ricotta-di-soia/
https://viaggieassaggifelici.blog/2021/01/25/ricotta-di-soia/

ACQUISTA I PRODOTTI CIBOCRUDO IN COLLABORAZIONE CON VIAGGI&ASSAGGIFELICI

Per preparare questa TORTA SALATA ho utilizzato questi prodotti di CIBOCRUDO, che se ti va puoi acquistare direttamente cliccando sul link, Al tuo primo ordine avrai € 5 di sconto inserendo il mio codice personale 509FM nel campo dei coupon alla fine dell’ordine prima del pagamento :

CIBO CRUDO

https://www.cibocrudo.com/sali-integrali/sale-rosa-dellhimalaya-integrale?ricerca=sale

https://www.cibocrudo.com/alimenti-bio/salse-e-condimenti/lievito?ricerca=lievito