1

RAVIOLONI ( MANDU) GLUTEN FREE ALLA COREANA RAINBOW COLORATI AL NATURALE E RIPIENI DI FAGIOLI NERI , JACKFRUIT ,FUNGHI SHIITAKE E SPINACI SERVITI SU PESTO DI CARCIOFI E FORMAGGIO GRATTUGIATO VEGANO, ACCOMPAGNATI DA SALSA AL SESAMO

3° PRIMO PIATTO DEL MENÙ VEGAN DELLE FESTE NATALIZIE 2022 DI Viaggi&AssaggiFelici

Mangiamo l’arcobaleno! 
Ragazzi, avete chiesto ricette di ispirazione asiatica e non riesco a pensare a niente di più orientale dei ravioli , ma in una nuova veste!!!

I Mandu sono ravioli della tradizione coreana SONO SOLITAMENTE ripieni di carne di maiale e verdure: ecco la ricetta per realizzarli in casa IN VERSIONE VEGAN E GLUTEN FREE , Da tradizione vengono preparati per i festeggiamenti del capodanno !!!

Questi ravioli sono naturalmente colorati e riempiti con fagioli neri, jackfruit , spinaci , shiitake e aromatizzati con olio di sesamo, salsa di soia e sriracha, su una base di pesto di carciofi !
Sembrano difficili ma sono super facili da realizzare!

Colorare gli involucri è facoltativo ma sembra dannatamente bello! 
Inoltre è facile da realizzare e tutto naturale. 
Ho usato semplicemente succhi di verdura in sostituzione dell’acqua per colorarli. 
Ad esempio, quello giallo è colorato con curcuma , quello rosso con barbabietole, quello
nero con carbone vegetale, quello arancione con concentrato di pomodoro , quello viola con crauti viola , quello verde con the verde matcha. Oppure potete usare coloranti alimentari che potete acquistare sul web.

Servire gli gnocchi su un letto di PESTO DI CARCIOFI e tuffarli nella salsa all’aglio di sesamo dolce-salato!

Ho provato in questo caso a realizzare involucri di wonton vegani senza glutine!
Gli gnocchi dovrebbero avere un impasto molto sottile e morbido e, sfortunatamente, non è possibile stendere un impasto senza glutine così sottile senza romperlo. 
Ecco un consiglio utile però: vuoi che i tuoi involucri siano più sottili sui bordi, in questo modo la parte superiore non sarà troppo spessa o difficile da masticare una volta cotta.



INGREDIENTI pasta base (per 7/8 ravioloni)

  • ▢ 55 gr di farina di ceci
  • ▢ 35 gr di farina di riso
  • ▢ 80 gr di amido di mais
  • ▢ 2 gr di gomma di xantano
  • ▢ 1 cucchiaio di olio evo
  • ▢ 1 pizzico di dì sale
  • 100 ml  circa di acqua o sostituire con succo di verdura per dare colore oppure 100 ml di acqua + coloranti alimentari vegani naturali



Ripieno

  • 1 cucchiaio  di olio evo
  • 1 scalogno a a dadini
  • 1  spicchio d’aglio tritati
  • 1/2 cucchiaino di zenzero grattugiato
  • 2  funghi shiitake secchi reidratati e tagliati a dadini
  • 50 g di spinaci tritati
  • 50 g di fagioli neri cotti 
  • 280 gr di jackfruit saltato in padella e sfilacciato
  • 1 cucchiaio e mezzo di salsa di soia
  • 1 cucchiaino di sciroppo d’acero o agave
  • 1  cucchiaino di curcuma
  • 1  cucchiaino di salsa sriracha ( concentrato di pomodoro+peperoncino di Cayenna macinato a piacere +aglio+eritritolo + sale + acqua +aceto di mele)
  • 1 di cucchiaino di spezie miste tipo ariosto

Salsa al sesamo

  • 1  cucchiaio di salsa di soia
  • 1 cucchiaino di olio evo
  • 1 cucchiaino di aceto mele
  • 1 cucchiaino di sciroppo d’acero o agave
  • 1 cucchiaio di acqua
  • 1 spicchio d’aglio tritato
  • 1 cucchiaino di semi di sesamo

PESTO DI CARCIOFI

( CARCIOFI +OLIO EVO+FORMAGGIO GRATTUGIATO VEGANO CHE IO FACCIO IN CASA +MANDORLE+AGLIO+SALE)

Formaggio vegan GRATTUGIATO (  tritando 10 anacardi + 1 cucchiai di semi di lino tritati + 2 cucchiai di lievito alimentare + 1 pizzico di curcuma in polvere + 1 cucchiaino raso di sale integrale himalaya )

ISTRUZIONI 

  • PASTA RAVIOLI :Mettete le farina in una piccola ciotola, aggiungi l’olio e versate lentamente l’acqua (o il succo di verdura o i coloranti) e impastate fino a formare un impasto morbido. Se l’impasto sembra troppo asciutto, aggiungi 1 cucchiaino di acqua alla volta. Tuttavia, non vuoi che l’impasto sia appiccicoso. Impastare per 2 minuti e avvolgere la pallina nella pellicola trasparente. Lasciare riposare per 25-30 minuti. Nel frattempo preparate il ripieno.

RIPIENO

  • Scaldare l’olio ,aggiungere lo scalogno, l’aglio e lo zenzero , aggiungere il jackfruit e saltare fino a doratura, circa 5 minuti.
  • Aggiungere i funghi e gli spinaci tritati e cuocere per altri 5-7 minuti, finché gli spinaci non diventano morbidi. Mescolare i fagioli neri ,la salsa di soia, lo sciroppo d’acero, la curcuma, lo sriracha e le spezie . Cuocere per 5-7 minuti, mescolando regolarmente. Assaggia e aggiusta i condimenti se necessario, aggiungendo più salsa di soia per il sapore salato, sriracha per il piccante e/o ì spezie per più sapore.
  • Togliere dal fuoco, sfilaccia il jackfruit e trasferire in una ciotola capiente e lasciare raffreddare 15 minuti.
  • Dividi l’impasto dei ravioli in 4 palline. Stendere ogni pallina in un cerchio il più sottile possibile (circa 1 mm di spessore). Ho steso l’impasto tra due fogli di carta forno per essere sicuro che non si attaccasse, potete anche spolverare con amido di mais. IMPORTANTE: l’impasto deve essere steso molto sottile, insisto perché altrimenti i ravioli impiegheranno più tempo a cuocere e potrebbero risultare pastosi.
  • Premi leggermente i bordi del tondo con le dita per renderlo più sottile del centro.
  • Metti un cucchiaio di ripieno al centro di un involucro più una spolverata di formaggio grattugiato . Piega l’involucro per formare una forma simile a una borsetta, in alternativa, puoi modellarlo a mezzaluna se preferisci. Assicurati di premere con le dita per sigillare il raviolo. Metti da parte e copri con un canovaccio umido mentre prepari il resto
  • Scaldare due cucchiai di olio in una padella capiente a fuoco medio-alto. Friggi i ravioli per 20-30 secondi o fino a quando il fondo diventa marrone dorato. Abbassa il fuoco a fuoco medio e aggiungi 125 ml circa di acqua. Coprire immediatamente con un coperchio e lasciare “cuocere a vapore” fino a quando i ravioli sono teneri e non rimane acqua, circa 10 minuti.
  • Togliere dal fuoco e servire immediatamente con base di pesto ai carciofi e con la salsa di immersione al sesamo e spolverando di formaggio grattugiato vegan .

Salsa al sesamo

  • Aggiungere tutti gli ingredienti in una piccola ciotola e frullare fino a quando non saranno ben amalgamati. Assaggiate e regolate i condimenti se necessario, se trovate la salsa troppo salata aggiungete altra acqua, se preferite una salsa più dolce aggiungete altro sciroppo d’acero.

Pesto di Carciofi

  • semplicemente frullando i carciofi sbollentati con gli altri ingredienti.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :

👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

☘mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog

 ☘seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!

👉Dichiarazione di affiliazione👈
👉👉Dichiarazione di affiliazione👈👈
👋Nel mio blog
http://viaggieassaggifeliciblog),
nei vari articoli e ricette, spesso inserisco dei link a📖 libri, 🛒attrezzi di cucina o 🥗alimenti. Lo faccio così che tu possa trovare dove acquistare questi prodotti.
🎈Solitamente sono prodotti che ho acquistato personalmente, che mi sono piaciuti e che quindi sono tranquillo a raccomandarti. Raramente, quando non trovo (più) esattamente lo stesso prodotto, consiglio un’alternativa molto simile di cui mi fido.
🙋🏼Ho iniziato anche ad iscrivermi a programmi di affiliazione. Cosa vuol dire? Significa che a volte guadagno una piccola commissione quando compri qualcosa attraverso uno di questi link (per esempio da Amazon ).
Per te non comporta nessun costo ulteriore, ma a me aiuta non solo a poter tenere in piedi questo Blog, ma SOLO UN AIUTO IN PIÙ A CHI COME ME CI METTE LA PASSIONE, LA PERSEVERANZA E LA FATICA , CHE È BELLO SIANO APPREZZATI , AVVALORATI E COMPROVATI !!!
👋Come funziona? I link hanno un codice all’interno che per l’azienda con cui sono affiliata identifica me come affiliato e aiuta a registrare le vendite che sono andati in porto perché l’ho consigliato io. Praticamente il mio consiglio è valutato come pubblicità per il prodotto. Solitamente è una percentuale alquanto basso, e ripeto: per te il prodotto in questione costa uguale, per te non fa una differenza, per me si.




TOFURKEY ARROSTO DI NATALE RIPIENO DI SPINACI , FUNGHI SHIITAKE E MACINATO DI RISO INTEGRALE E LENTICCHIE, AVVOLTO IN CROSTA DI TOFU ACCOMPAGNATO DA SALSA ALLA CACCIATORA VEG

2° SECONDO PIATTO DEL MENÙ VEGAN DELLE FESTE NATALIZIE 2022 DI Viaggi&AssaggiFelici

Per me non è una grande cena delle feste natalizie senza un buon arrosto.

Tradotto dall’inglese-Il tofurkey è un sostituto della carne a base vegetale modellato sul tacchino, sotto forma di una pagnotta di proteine vegane , solitamente a base di tofu o seitan con un ripieno a base di cereali o pane, insaporito con un brodo e condito con erbe e spezie.

Questo arrosto festivo ha tutti i sapori del Natale, è ripieno di spinaci, funghi shiitake saltati e lenticchie,un ripieno saporito e ricco di proteine.

La “crosta” è una miscela di tofu compatto, miso , spezie e lievito alimentare che vengono lavorati fino ad ottenere una pasta liscia. 
A differenza di altre ricette di arrosti, non volevo pressare il tofu o scolarlo con una garza, quindi ho aggiunto un po’ di farina di riso per assorbire parte dell’umidità. 

Ha funzionato perfettamente!
Il ripieno è composto da tre strati: spinaci con aglio, funghi shiitake saltati , riso e lenticchie , questi ultimi che con l’aggiunta di altri ingredienti e tritati grossolanamente avranno la consistenza della carne macinata.

La preparazione della salsa alla cacciatora è molto semplice e a discapito del nome, che potrebbe far pensare alla carne alla cacciatora, non prevede assolutamente l’uso della carne. Si tratta di una salsa fatta a base di funghi e pomodori, ottima per condire la pasta o del riso o per accompagnare gli arrosti.
Essendo questa la stagione propria dei funghi, questa potrebbe essere un’ottima ricetta per trasformarli in un gustoso piatto. Naturalmente potete usare i funghi che preferite e se non siete appassionati cercatori funghi, potete sempre acquistare quelli coltivati, come champignon, pleurotus, ecc. 

Crosta dell’arrosto

  • ▢ 500 gr Tofu compatto
  • 3 cucchiai di miso bianco
  • 2 cucchiaini di paprika
  • ▢ 3/4 gocce di fumo liquido
  • ▢1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di origano
  • 1 cucchiaino di scaglie di peperoncino
  • 2 cucchiaio di lievito alimentare
  • 110 gr  di farina di riso



Strato Ripieno di ” macinato” di lenticchie e riso integrale

  • 90 gr di lenticchie secche ( io ho usato rosse non decorticate )
  • 90 gr di riso integrale ( io ho usato parboiled)
  • ▢1 cucchiaino di sale
  • ▢450 ml di acqua

Strato di spinaci

  • 350 gr  di spinaci tritati
  • spicchio d’aglio tritato finemente
  • ▢sale, peperoncino e olio evo a piacere

Strato di funghi

  • funghi shiitake secchi
  • 50 gr di funghi prataioli
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 cucchiaio di salsa di soia
  • ▢Peperoncino
  • ▢prezzemolo e aglio q.b.

PER SERVIRE

  • 360 ML di acqua
  • 1 cucchiaio di salsa di soia. 
  • uno scalogno tritato finemente,
  • 6-8 cipolline,
  • una carota tagliata a fiammifero,
  • alcune castagne
  • 1/2 cucchiaino di origano.

Salsa alla cacciatora

  • 40 g di olio d’oliva
  • 300 g di funghi
  • 1 cipolla
  • brodo granulare
  • 200 g di pomodori maturi pelati e tritati
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 mazzetto di prezzemolo tritato
  • Sale
  • 1 cucchiaio di farina di riso per renderla più cremosa

PROCEDIMENTO

Crosta dell’arrosto

  • Metti tutti gli ingredienti della crosta nella ciotola di un robot da cucina e lavora per circa 1 minuto, fino a quando tutto è ben incorporato e sembra liscio. Vi ritroverete con un impasto leggermente umido e molto morbido. Trasferire in una ciotola capiente, coprire e mettere da parte mentre si prepara il ripieno.

Ripieno di ” carne macinata vegana”

  • Unire le lenticchie verdi e il riso integrale con l’acqua e il sale in una pentola capiente. Portare a ebollizione, abbassare il fuoco a medio e cuocere a fuoco lento per circa 25 minuti fino a quando le lenticchie sono cotte e quasi non rimane liquido. Scolare l’acqua in eccesso se necessario.
  • Mettere il riso e le lenticchie nella ciotola di un robot da cucina e aggiungere lo sciroppo d’acero, la salsa di soia, il tahini, il concentrato di pomodoro, il fumo liquido, la cipolla, lo scalogno, l’aglio, le castagne, la carota e il prezzemolo fresco. Procedere per circa 15 secondi fino a quando tutto è tritato grossolanamente e ha la consistenza della carne macinata. Assaggiate e aggiustate di sale e peperoncino se necessario. Trasferire in una ciotola e aggiungere uvetta e i pinoli. 

Spinaci

  • Scaldare un cucchiaino di olio in una padella capiente a fuoco medio. Aggiungi gli spinaci tritati nella padella e lascia cuocere per 5 minuti fino a quando gli spinaci non si saranno ammorbiditi. Aggiungere l’aglio tritato, sale e peperoncino a piacere. Trasferire gli spinaci in uno scolapasta e spremere il liquido in eccesso premendo con il dorso di un cucchiaio.

Funghi

  • Nella stessa padella, soffriggere i funghi con olio, aglio e prezzemolo , precedentemente ammollati ,finché non diventano teneri e leggermente dorati, circa 5 minuti. Sfumare la padella con la salsa di soia e continuare a cuocere fino a quando non rimane più liquido. Aggiungere il peperoncino se vi piace.Tritarli .

Assemblare

  • Preriscalda il forno a 180 °.
  • Una volta che la crosta e il ripieno sono pronti, puoi iniziare a montare la pagnotta.
  • Foderare una teglia con carta forno. Trasferire circa 1 tazza della miscela di tofu sul fondo della padella. Usando le mani bagnate, stendi il composto in uno strato uniforme. Puoi anche mettere sopra un pezzo di carta da forno e usare il fondo di un bicchiere per distribuire uniformemente il composto. Fai attenzione, il composto di tofu risulterà appiccicoso e molto morbido.
  • Metti gli spinaci cotti sopra la miscela di tofu, lasciando circa 1 pollice su ciascun lato. Completare con i funghi saltati e tritati. Distribuire circa 2 tazze di ripieno di lenticchie / riso integrale sopra i funghi, premendo leggermente.
  • Una volta posizionato il ripieno è il momento di ricoprirlo con il restante composto di tofu, questo è il passaggio più delicato. Usando le mani bagnate, prendi una piccola quantità di composto di tofu tra le mani e copri con cura il ripieno, a poco a poco in uno spessore uniforme, assicurandoti di premere sui bordi per racchiudere il ripieno. Quando il ripieno è completamente coperto, strofinalo accuratamente con le mani bagnate per lisciare la parte superiore.
  • In una piccola ciotola, unisci un cucchiaio di sciroppo d’acero con un cucchiaio di salsa di soia. Spennellare il tofurkey con la glassa.
  • Coprite con un foglio di alluminio e infornate per circa 50 minuti. Cuocere scoperto solo grill per altri 5 minuti fino a quando la parte superiore è dorata, lasciare raffreddare 5 minuti prima di servire.
  • Potete farlo anche il giorno prima ,l’arrosto ha un sapore ancora migliore il giorno successivo.
  • Per servire in una teglia (facoltativo): preriscaldare il forno a 180. In una grande teglia, unisci 1 tazza e ½ di acqua con 1 cucchiaio di salsa di soia. Aggiungere uno scalogno tritato finemente, 6-8 cipolline, una carota tagliata a fiammifero, alcune castagne e ¼ di cucchiaino di origano. Cuocere per circa 20 minuti. Sfornare e posizionare il tofurkey cotto al centro della teglia, coprire con carta stagnola e cuocere per altri 15 minuti, giusto per riscaldare nuovamente il tofurkey. L’arrosto di tofurkey assorbirà parte della salsa e la crosta di tofu risulterà più morbida, ancora più deliziosa!Potete cucinarlo anche nella friggitrice ad aria a 180° per 25-30 minuti.
  • Salsa alla cacciatora : Affettate finemente i funghi e la cipolla e fateli rosolare con l’olio a fiamma viva.Unite il vino, lasciatelo ridurre, a fuoco vivo, a metà del suo volume, poi i pomodori e una tazza di brodo .Se necessario salate e lasciate cuocere per 10 minuti prima di aggiungere il prezzemolo e la farina .Dopo questa aggiunta la salsa non dovrà più bollire.

 

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :

👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

☘mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog

 ☘seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




GNUDI DI MIGLIO ,CAVOLO NERO E RICOTTA DI SOIA , SERVITI SU UNA BASE DI FUNGHI SHIITAKE E CIME DI RAPA ,CON SALSA DI TOFU CON FUNGHI CHAMPIGNON

1° PRIMO PIATTO DEL MENÙ VEGAN DELLE FESTE NATALIZIE 2022 DI Viaggi&AssaggiFelici

Ho sempre lodato il miglio non soltanto perché sia un super food, ma perché è molto versatile in cucina. Se cotto e poi frullato, si trasforma completamente e può fare da legante in diverse preparazioni sia dolci sia salate oppure assomigliare alla ricotta. Cucinato nella maniera che vi indico qua sotto può essere usato per la realizzazione degli gnudi vegani che, originariamente, sono ravioli, appunto, “nudi” -senza la pasta esterna- a base di ricotta e spinaci. 

Nella ricetta di oggi vi propongo di realizzare gli gnudi al 100% vegan a base di miglio e poi servirli sul letto DI FUNGHI SHIITAKE E CIME DI RAPA E CON UNA SALSA DI TOFU CON FUNGHI CHAMPIGNON . Si tratta di un piatto molto leggero, nutriente e bellissimo a vedersi che farà colpo su chiunque, vegano e non!

Nella ricetta per questa versione di gnudi ho incluso anche IL CAVOLO NERO ma, a dir il vero, potete provare a farli anche con altri tipi di “fogliame” come: erbette o tarassaco,radicchio rosso o cicoria cimata in autunno, cime di rapa o verza durante l’inverno !
Sono certo che se proverete a realizzare questi semplici gnudi a base di miglio

Ingredienti per circa 12 gnudi

  • 180 g di miglio cotto (circa 100 g di miglio secco)
  • 125 gr di ricotta di soia ( trovi il procedimento nel mio blog)
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine
  • 1 spicchio d’aglio
  • cavolo nero (o qualche altro “fogliame” verde)
  • 1 cucchiaio di semi di lino macinati, mescolati insieme a 2 cucchiai di acqua calda
  • 1 pizzico di curcuma
  • 1 pizzico di peperoncino
  • sale qb
  • q.b. fecola di patate
  • farina di riso o fecola per infarinare la spianatoia qb
  • Formaggio vegan GRATTUGIATO (  tritando 10 anacardi + 1 cucchiai di semi di lino tritati + 2 cucchiai di lievito alimentare + 1 pizzico di curcuma in polvere + 1 cucchiaino raso di sale integrale himalaya )

CONDIMENTO

  • 200 g di champignon
  • prezzemolo
  • 1 panetto di tofu al naturale
  • 5 funghi shiitake secchi
  • 100 g di cime di rapa
  • scorza di 1 limone
  • 2 scalogni
  • 1/2 cucchiaino di aglio in polvere
  • sale e peperoncino
  • olio extravergine di oliva
  • timo e origano q.b

PROCEDIMENTI

  • PER GLI GNUDI :Preparate la ricotta di soia anche un giorno prima.Sciacquate accuratamente il miglio secco sotto l’acqua corrente fino a quando l’acqua del risciacquo è trasparente. È un passaggio importante in quanto permette di togliere tutte le impurità del cereale e il suo gusto leggermente amarognolo. Una volta pulito, cuocetelo nella quantità di acqua fredda pari al doppio del suo volume , 10 – 15 minuti. Scaldate una padella antiaderente, versate 2 cucchiai di olio, l’aglio e le foglie di CAVOLO NERO. Fatele stufare a fuoco basso in modo da fargli perdere l’acqua (è fondamentale, altrimenti, l’impasto per gli gnudi risulterà troppo liquido e dovrete aggiungere più fecola di patate o di farina). Una volta appassitesi le foglie spegnete il fuoco.. Versate nel contenitore di un frullatore il miglio cotto, le foglie di CAVOLO NERO, l’aglio, la miscela di semi di lino ,la ricotta di soia e acqua, quindi tutte le spezie e il sale. Frullate fino a ottenere un composto abbastanza omogeneo (non deve risultare perfettamente liscio), assaggiate e, se c’è ne bisogno, ricondite.Aggiungete la fecola di patate setacciata ed il ” formaggio grattugiato vegano”e mescolate accuratamente. Preparate una spianatoia infarinandola con la fecola di patate o con della semplice farina di riso. Preparate gli gnudi: prendete dell’impasto e arrotolate ogni pezzetto nella farina in modo da ottenere una pallina. Posizionate ogni gnudo su un piatto da portata / una spianatoia rivestiti con farina. Una volta pronti, copriteli con un panno asciutto. Nel frattempo mettete a bollire l’acqua salata per la cottura. Versate una pallina alla volta con estrema delicatezza nella pentola di acqua bollente salata, abbassando un po’ la fiamma.  Quando gli gnudi saranno tutti affiorati in superficie sono pronti per essere serviti, quindi scolateli con una schiumarola, agitando delicatamente per togliere l’acqua e trasferiteli su un piatto da portata.
  • CONDIMENTO : Mettete in ammollo i funghi shiitake in acqua tiepida nel frattempo mondate e tagliate gli scalogni e lasciateli da parte. Pulite gli champignon e tagliateli a fettine. Mettete gli scalogni , l’aglio e gli champignon tagliati in una padella e fateli appassire con un filo di olio extravergine di oliva.Aggiungete dopo pochi minuti il tofu spezzettato con le mani e continuate a cuocere per altri 5 minuti a fiamma alta.Con un frullatore ad immersione frullate gli ingredienti dopo averli messi dentro ad un bicchiere dai bordi alti : dovrete ottenere una crema morbida e priva di grumi. Se ce ne fosse bisogno potete aggiungere del brodo vegetale per ammorbidire la crema. Correggete di sale e aggiungete un pizzico di peperoncino.Dopo averli ben scolati dall’acqua di ammollo, tagliate i funghi shiitake a dadini e fateli saltare in padella antiaderente con un filo di olio extravergine di oliva. Saltate le cime di rapa tagliate e fate insaporire con un pizzico di sale.Saltate gli gnudi velocemente nella padella insieme alle cime di rapa e ai funghi shiitake . Condite infine gli gnudi con le cime di rapa , con la crema al tofu e funghi e aromatizzate con il timo, origano, i funghi shiitake e la scorza del limone.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :

👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

👉mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 ☘seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




Zuppa di Funghi (Porcini , Pleurotus , Shiitake e Champignon ), Cavolfiori, Broccoli , Patate Dolci e Cipolla , con Ravanelli al timo , accompagnata da Kofte Turche ( Profumatissime Polpettine Speziate di Lenticchie e Granulare di Piselli alla Turca Aromatizzate alle alghe nori) ,Insalata alla Waldorf ( Insalata di sedano rapa, panna acida al tahini ,mele ,chicchi di melograno e noci ) ed Erbette Straginate

1)La zuppa di Funghi Misti e Cavolfiore è un comfort food fondamentale per le serate fredde : in questa versione la propongo con le cipolle.
Il sapore della zuppa risulterà ancora più gentile e la consistenza vellutata. Resa ancora più cremosa grazie a qualche cucchiaio di yogurt di soia al naturale: gli donerà un sapore un po’ nordico.In cui l’aggiunta della buccia cruda dei ravanelli, oltre a un bell’effetto cromatico, incrementa la presenza di micronutrienti del piatto e rende superflua anche l’aggiunta d’olio

2) Kofte Turche ( Polpettine Speziate di di Lenticchie alla Turca Aromatizzate alle alghe nori) : Gustose, profumate e piacevolmente piccanti, andiamo alla scoperta delle kofte turche Vegane.
Per la serie “paese che vai cucina che trovi”, la ricetta delle kofte ci catapulta dritti in Turchia, dove queste polpette mediorientali costituiscono un piatto tipico e diffusamente apprezzato. Assolutamente da provare, le kofte turche originali nascono crude, ma oggi come oggi è la versione cotta ad essere maggiormente reperibile. Scopriamone di più.
Come avrete capito, le kofte turche altro non sono che delle polpette a base di carne (solitamente di agnello almeno nella loro versione tradizionale). Note anche con il nome di kufte, sono speziate e generalmente fritte in olio bollente. Risultano morbide al loro interno e si possono accompagnare con diversi contorni, meglio se leggeri, o proporre come antipasto ricco o insieme ad una zuppa come ho fatto io.
Sono talmente popolari da essere reperibili in diverse varianti. Le si può trovare, infatti, non solo a base di altri tipi di carne, ma anche di ingredienti quali legumi e cereali (che ci regalano delle kofte vegane come le mie che io ho arricchito con granulare di piselli). Infine in quanto alle spezie, quelle che non dovrebbero mancare sono il cumino, il pepe nero e il timo secco, anche se nulla vieta di unirne altre a proprio piacimento, come il curry ad esempio. Un pizzico di bicarbonato di sodio aggiunto all’impasto rende le kofte più morbide.

3) Insalata alla Waldorf : L’insalata Waldorf è un antipasto statunitense. Si tratta di un’insalata a base di noci, mele fresche, sedano rapa e uva conditi con maionese e tipicamente servita su un letto di foglie di lattuga. La ricetta fu ideata da Oskar Tschirky, il famoso chef del Waldorf -Astoria, uno dei più celebri hotel di New York. Fresca per l’estate, ma adatto anche all’inverno grazie alla stagionalità dei suoi prodotti, questa insalata è il contorno perfetto per tutto l’anno.
Alcune varianti americane consigliano anche l’utilizzo della maionese, ma noi abbiamo optato per un dressing alla panna acida al tahini , al quale potete aggiungere anche una parte di maionese se volete .Infine altre varianti suggeriscono anche l’aggiunta di acini di uva .

4) Erbette straginate : “Straginate” è un termine dialettale di Ancona che significa in questo caso passate in padella. Le erbette, spesso confuse con altri vegetali (ad esempio gli spinaci), sono delle varietà di bietola  dalla foglia e dal gambo piccoli, dette anche bietole da foglia o bietole da taglio (da non confondere con le bietole da costa). Si tratta quindi di comuni bietoline. Lessate insieme ad una patata e ripassate poi in padella con olio, aglio e peperoncino.



Ingredienti Zuppa

Ingredienti Kofte Turche ( per 8 polpette)

INGREDIENTI Insalata alla Waldorf

INGREDIENTI ERBETTE STRAGINATE

PROCEDIMENTI

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :

👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

☘mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog

 ☘seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog



👉Dichiarazione di affiliazione👈
👉👉Dichiarazione di affiliazione👈👈
👋Nel mio blog
( http://viaggieassaggifeliciblog),
nei vari articoli e ricette, spesso inserisco dei link a📖 libri, 🛒attrezzi di cucina o 🥗alimenti. Lo faccio così che tu possa trovare dove acquistare questi prodotti.
🎈Solitamente sono prodotti che ho acquistato personalmente, che mi sono piaciuti e che quindi sono tranquillo a raccomandarti. Raramente, quando non trovo (più) esattamente lo stesso prodotto, consiglio un’alternativa molto simile di cui mi fido.
🙋🏼Ho iniziato anche ad iscrivermi a programmi di affiliazione. Cosa vuol dire? Significa che a volte guadagno una piccola commissione quando compri qualcosa attraverso uno di questi link (per esempio da Amazon ).
😘Per te non comporta nessun costo ulteriore, ma a me aiuta non solo a poter tenere in piedi questo Blog, ma SOLO UN AIUTO IN PIÙ A CHI COME ME CI METTE LA PASSIONE, LA PERSEVERANZA E LA FATICA , CHE È BELLO SIANO APPREZZATI , AVVALORATI E COMPROVATI !!!
👋Come funziona? I link hanno un codice all’interno che per l’azienda con cui sono affiliata identifica me come affiliato e aiuta a registrare le vendite che sono andati in porto perché l’ho consigliato io. Praticamente il mio consiglio è valutato come pubblicità per il prodotto. Solitamente è una percentuale alquanto basso, e ripeto: per te il prodotto in questione costa uguale, per te non fa una differenza, per me si.

😘Per te non comporta nessun costo ulteriore, ma a me aiuta non solo a poter tenere in piedi questo Blog, ma SOLO UN AIUTO IN PIÙ A CHI COME ME CI METTE LA PASSIONE, LA PERSEVERANZA E LA FATICA , CHE È BELLO SIANO APPREZZATI , AVVALORATI E COMPROVATI !!!

👋Come funziona? I link hanno un codice all’interno che per l’azienda con cui sono affiliata identifica me come affiliato e aiuta a registrare le vendite che sono andati in porto perché l’ho consigliato io. Praticamente il mio consiglio è valutato come pubblicità per il prodotto. Solitamente è una percentuale alquanto basso, e ripeto: per te il prodotto in questione costa uguale, per te non fa una differenza, per me si.




LA MIA SESTA IDEA DI APERICENA CHE ACCONTENTA TUTTI , QUESTA VOLTA UN MIX TRA ORIENTALE,CHETOGENICO ,MACROBIOTICO ED IN PARTE CRUDISTA : SUSHI VEGAN CON TOFU AFFUMICATO , RISO DI KONJAC ED UNA SALSA DI MARE CON ALGHE WAKAME ;RAMEN CON FUNGHI SHIITAKE SALTATI, FETTUCCINE DI KONJAC SALTATE ,RAVANELLI BOLLITI CON SPEZIE, ZUCCA PROFUMATA AGLI AROMI E SEMI DI SESAMO E CIME DI RAPA SALTATE CON BRODO DASHI ARRICCHITO DA VERDURE AUTUNNALI ( spinaci-cavolo riccio-daikon-broccoli colorati);HUMMUS VIOLA CRUDISTA DI CRAUTI ROSSI ;CROSTINI DI PANE CRUDISTA DI CAVOLFIORE E ZUCCHINE;INVOLTINI PROFUMATISSIMI DI FOGLIE DI VITE CON QUINOA E RICOTTA SALATA CRUDISTA;OMELETTE VEGANA CON SHIITAKE , RIPIENA DI CAVOLO RICCIO , ALGHE WAKAME E CETRIOLO ;INSALATA DI ZUCCHINE VERDI E GIALLE , DAIKON , CRAUTI ROSSI, AVOCADO , CIPOLLA ROSSA, RAVANELLI , FRUTTA SECCA E SEMI MISTI CONDITA DA UNA MAIONESE LEGGERA E CRUDISTA.

|

Molti sono convinti che la capacità di cucinare, o almeno di farlo bene, sia un talento naturale, uno speciale dono, conferito a pochi eletti, e poi ci sarebbero gli altri, quelli ai quali mettere insieme qualcosa di decente da portare in tavola ogni giorno risulti difficile e faticoso.

Io, però, non sono d’accordo. Cucinare bene in parte è manualità, che si conquista solo con la pratica, in parte conoscenza di poche regole, ed in parte – per me quella più importante- è CREATIVITÀ !!!

Come ben sapete già , sono grande fan dei grandi sapori, delle consistenze uniche , della versatilità e, soprattutto, della varietà a tavola. Dai un’occhiata a quest’altro fantastico SESTO APERICENA VEGANO ,GLUTEN FREE , MACROBIOTICO, CHETOGENICO E QUESTA VOLTA DALLE NOTE ORIENTALI!!!

Questa volta ho voluto cucinare dando ancora più importanza alle ALGHE ed ai miei amatissimi FUNGHI SHIITAKE ED CON PASTA E RISO DI KONJAC.

Le alghe non sono più ormai solo un piatto stravagante da gustare nei ristoranti cinesi e giapponesi quando capita, sono entrate nell’alimentazione occidentale già da parecchi anni, sotto forma di varie pietanze e piatti originali.

Di alghe esistono davvero di molti tipi, più o meno saporite o delicate, ricche di proprietà nutrienti come minerali, proteine, mucillagini preziose.

– I Funghi Shiitake ,Di origine asiatica, sono ormai diventati di uso comune anche in Italia grazie alla diffusione di ricette come il Ramen. Molti grandi chef hanno sostituito porcini, cardoncelli e pioppini con gli shiitake conferendo ai loro piatti una nota umami («gradevolezza al palato»)ancora più interessante. I funghi shiitake sono ricchi di proprietà e benefici.

Il fungo shiitake è uno dei funghi più coltivati al mondo e cresce in luoghi molto umidi in cui temperatura, luce e vento sono costanti.

Il sapore dei funghi shiitake è terroso con una punta di dolcezza. Ricordano chiaramente l’umami e la loro consistenza è soda e callosa. I funghi shiitake sono ricchissimi di proprietà nutrizionali e hanno uno scarso apporto calorico. In Cina i funghi shiitake sono considerati un vero elisir di lunga vita. Riducono sensibilmente i livelli di colesterolo nel sangue e sono considerati degli antinfiammatori naturali. I funghi shiitake sono ricchi di selenio, zinco, rame e vitamina D.

I funghi shiitake sono commestibili in molti modi. Non solo possono essere saltati, arrostiti o in camicia, ma anche consumati crudi . Si abbinano molto bene con risotti, zuppe, salse, ragù e piatti wok.

Le alghe ed i funghi in generale sono 2 ingredienti che ormai spesso fanno capolino tra gli scaffali della cucina, ma che non sempre sappiamo utilizzare: ecco qualche piccolo suggerimento , per delle ricette gustose , senza glutine , con un’umami al palato meraviglioso e adatti naturalmente ad una cucina vegetale , macrobiotica ma anche chetogenica.

– Il konjac è una  radice molto antica , usata soprattutto in Asia, che da qualche anno è entrata anche nelle cucine occidentali. Conosciuto anche come  patata di konjac  o  lingua del diavolo , è  utilizzato soprattutto per fare una pasta, chiamata shirataki .

Una delle sue caratteristiche principali è quella di  non contenere glutine e avere un apporto calorico molto basso . Vediamo cos’è, quali sono le sue proprietà nutrizionali e vengono utilizzarlo in cucina.

Il  konjac  è un tubero che può raggiungere dimensioni e peso molto elevato: cresce in Asia ed è particolarmente usato in Cina e Giappone. Da questo tubero si ricavano  due preparazioni: una gelatina che viene usata come addensante e una pasta light 

Come addensante, si trova anche in preparazioni industriali: è molto usato, ad esempio, nelle caramelle, dove viene denominato con la sigla E425.

La pasta, detta  shirataki di konjac,  viene invece ricavata dalla radice essiccata e poi ridotta in polvere: si presenta  sotto forma di spaghetti sottili, dall’aspetto molto simile a quello dei noodles 

1) SUSHI VEGAN CON TOFU AFFUMICATO E RISO DI KONJAC: Questo sushi a base vegetale presenta fette croccanti di cetriolo , carote,daikon ,tofu affumicato avvolte in riso di konjac e nori con una salsina a base di tahini , salsa di soia , alga wakame ,cipolle e sesamo.

2)RAMEN CON FUNGHI SHIITAKE SALTATI, FETTUCCINE DI KONJAC SALTATE ,RAVANELLI BOLLITI CON SPEZIE, ZUCCA PROFUMATA AGLI AROMI E SEMI DI SESAMO E CIME  DI RAPA SALTATE CON BRODO DASHI ARRICCHITO DA VERDURE AUTUNNALI ( spinaci-cavolo riccio-daikon-broccoli colorati) :Il ramen è un tipico piatto giapponese a base di spaghetti di frumento serviti in brodo , spesso insaporito con salsa di soia o miso e con guarnizioni come carne e alghe marine secche. Io ho sostituito gli spaghetti di frumento con TAGLIATELLE DI KONJAC e LA CARNE , con i meravigliosi FUNGHI SHIITAKE , insieme a verdure autunnali come IL CAVOLFIORE , LA ZUCCA , SPINACI CAVOLO RICCIO E BRODO DASHI, che solitamente è un brodo di pesce, indispensabile nella cucina giapponese, usato come base di minestre e come ingrediente liquido di molte preparazioni. Il dashi forma la base per la zuppa di miso, il brodo chiaro, i noodles in brodo, e molte altre preparazioni . Io naturalmente ho veganizzato tutta la ricetta ,sostituendo il pesce , lasciandolo totalmente felice di continuare a vivere , con funghi shiitake , quest’ultimi usati anche per preparare il mio brodo dashi vegano , con un’umami marino dato dall’alga kombu.

3) HUMMUS VIOLA CRUDISTA DI CRAUTI ROSSI  :hummus crudista, ottimo per accompagnare altre verdure o ad esempio “crackers” o altri stuzzichini essiccati o come ho fatto io i CROSTINI DI PANE CRUDISTA DI CAVOLFIORE E ZUCCHINE . L’hummus classico, probabilmente già lo sai, è preparato con i ceci cotti, ma essendo comunque una ricetta versatile, può essere creata anche con altri metodi, seguendo i dettami della dieta crudista.Questa ricetta mette insieme CRAUTI ROSSI e Tahin, (crema di semi di sesamo), che combinate assieme, garantiscono una digestione scorrevole.Il discorso vale allo stesso modo se utilizzi l’hummus per condire qualsiasi altro ortaggio crudo, soprattutto quelli a foglia verde.Poi Il cavolo rosso è un ortaggio che aiuta la pelle, gli occhi, difende dall’invecchiamento precoce, rafforza il sistema immunitario, aiuta ad avere ossa più forti, è disintossicante e migliora la salute del cuore. E’ un ortaggio ricco di antiassiodidanti, sostanze nutrienti, vitamine e minerali.

4) CROSTINI DI PANE CRUDISTA DI CAVOLFIORE E ZUCCHINE : Nella fase di passaggio ad una dieta crudista vegana, tra gli alimenti che potrebbero mancarti maggiormente, con ogni probabilità c’è anche il pane. Ma non è il caso di disperarsi: se hai ancora il desiderio di gustare quel tipo di consistenza soffice dentro, e croccante fuori, tipica del pane cotto in forno, ora lo puoi fare anche con la sua versione completamente crudista e vegan.Ti stupirai di come si possa preparare un vero e proprio panino utilizzando principalmente verdure ed ovviamente, un buon essiccatore.

5) INVOLTINI PROFUMATISSIMI DI FOGLIE DI VITE CON QUINOA E RICOTTA SALATA CRUDISTA : Le foglie di VITE fanno da involucro di questi gustosi cannelloni ripieni con una saporita farcia ALLA QUINOA, CAROTE E “RICOTTA SALATA DI MANDORLE CRUDISTA “

6) OMELETTE VEGANA CON SHIITAKE , RIPIENA DI CAVOLO RICCIO , ALGHE WAKAME E CETRIOLO:Il rotolo di frittata di farina di ceci con SHIITAKE e ripiena DI CAVOLO RICCIO ED ALGHE WAKAME è di fatto un secondo piatto vegano , però se servito in monoporzioni può diventare anche un succulento antipasto.Un’esplosione di salute , una propria iniezione di salute e benessere.La preparazione è molto semplice; la cottura della frittata in forno o in friggitrice ad aria poi rende questo piatto leggero e di sicura riuscita

7) INSALATA DI ZUCCHINE VERDI E GIALLE , DAIKON , CRAUTI ROSSI, AVOCADO , CIPOLLA ROSSA, RAVANELLI , FRUTTA SECCA E SEMI MISTI CONDITA CON UNA MAIONESE LEGGERA E CRUDISTA : Sei stufo della solita insalata verde o mista che trovi al supermercato? Leggi le ricette delle insalate crudiste che ti propongo in questo blog , per scoprire accostamenti di sapori e colori, che non avresti mai immaginato.

SUSHI VEGAN CON TOFU AFFUMICATO E RISO DI KONJAC E SALSA DI MARE
Per 1 rotolo:









Per la salsa di mare
RAMEN CON FUNGHI SHIITAKE SALTATI, FETTUCCINE DI KONJAC SALTATE ,RAVANELLI BOLLITI CON SPEZIE, ZUCCA PROFUMATA AGLI AROMI E SEMI DI SESAMO E CIME  DI RAPA SALTATE CON BRODO DASHI ARRICCHITO DA VERDURE AUTUNNALI ( spinaci-cavolo riccio-daikon-broccoli colorati)
Per il brodo dashi vegan
Per i funghi saltati in padella:
Per la zucca profumata agli aromi e sesamo:
Per i ravanelli bolliti:
9Per le cime di rapa scottate:
Per le fettuccine di konjac



HUMMUS VIOLA CRUDISTA DI CRAUTI ROSSI

CROSTINI DI PANE CRUDISTA DI CAVOLFIORE E ZUCCHINE
INVOLTINI PROFUMATISSIMI DI FOGLIE DI VITE CON QUINOA E RICOTTA SALATA CRUDISTA ( 8 involtini)
OMELETTE VEGANA CON SHIITAKE , RIPIENA DI CAVOLO RICCIO , ALGHE WAKAME E CETRIOLO
Per l’Omelette ( 1 omelette diametro aperta 17 cm)
Per il Ripieno
INSALATA DI ZUCCHINE VERDI E GIALLE , DAIKON , CRAUTI ROSSI, AVOCADO , CIPOLLA ROSSA, RAVANELLI , FRUTTA SECCA E SEMI MISTI CONDITA CON UNA MAIONESE LEGGERA E CRUDISTA
Per il condimento
Per l’insalata

Procedimenti

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :

👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 ☘seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




“Poke” vegan con Tofu marinato con cetrioli , sesamo ed alghe wakame, Riso Integrale, Funghi Shiitake e Crema di Ceci

|

Sono tornato dalle vacanze con una voglia matta di Funghi Shiitake e questa ricetta mi è venuta in maniera estemporanea …creata in pochi minuti nella mia testa tra un check in e l’altro,tra un taxi 🚕 e l’altro, solo per far capire che se si vuole…si può!!!

Ma quante cose si possono fare con il tofu? È talmente versatile che può trasformarsi praticamente in tutte le consistenze, dalla più vellutata e setosa a quella super croccante !!!

Se cerchi una ricetta per la “schiscia” in ufficio, o un piatto unico leggero, completo e saporito, l’hai trovato! Lo stir fry! In pratica, una tecnica di cottura nata in Cina e arrivata poi fino in Occidente che prevede il salto nel wok (o padella) con salsa di soia . Nella mia versione, il riso è integrale, parboiled, di quelli che non scuociono e possono essere lessati in anticipo con un bel risparmio di tempo quando si hanno solo 15 minuti per preparare la cena. Come proteina, ho aggiunto il tofu che ho affumicato con fumo liquido o puoi acquistarlo già affumicato — per un sapore più marcato rispetto a quello naturale — e completato poi il tutto con funghi SHIITAKE e cipolla a fettine sottili. Peperoncino, lime, zenzero e altra salsa di soia si possono aggiungere a piacere direttamente nel piatto per regolare piccantezza e sapidità.

Infine le Alghe wakame per una umami al palato meravigliosa.

I Funghi Shiitake In commercio li potete trovare sia secchi che freschi! Quelli secchi lasciateli in ammollo il più a lungo possibile per farli riprendere e poi cucinateli.

Ingredienti

Procedimento

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 ☘seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!