1

Fai il pieno di proteine vegetali🥗

PROTEINE VEGETALI: DOVE TROVARLE ?

Chi non mangia carne è carente di proteine? Al contrario di quello che si può pensare, non è necessario mangiare carne per avere un buon rifornimento di proteine, in quanto esistono anche in natura. Ad esempio, per aumentare la massa muscolare e affrontare attività sportive possiamo fare affidamento sulle proteine vegetali, che forniscono la giusta energia.
 Forse non ne eri a conoscenza, ma alcuni atleti famosi – a cui certo non mancano muscoli ed energia – hanno scelto di nutrirsi solo di vegetali, come Mike Tyson che ha fatto da testimonial alla P.E.T.A. (People for the Ethical Treatment of Animals), e Martina Navratilova, famosa tennista.
 L’elenco è più vasto, ma qui parliamo di proteine che si possono assumere attraverso i vegetali, quindi proseguiamo!

Poiché l’organismo subisce perdite di amminoacidi ed è in grado di produrre solo quelli di cui necessita, occorre assumere una quantità adeguata di proteine per essere sicuri che contengano gli amminoacidi “essenziali”, cioè quelli che non siamo in grado di produrre.

Le proteine che mancano anche di un solo aminoacido vengono definite “a basso valore biologico”. Questo secondo tipo è contenuto principalmente negli alimenti di origine vegetale fra cui cereali, legumi, frutta e verdura.  Ad esempio, nei cereali mancano gli amminoacidi triptofano e lisina, mentre nei legumi manca l’amminoacido metionina. 

Abbinare cereali e legumi è un buon modo per completare il quadro di tutti gli amminoacidi essenziali.

La dose giornaliera di proteine raccomandata (RDA) viene calcolata in base al proprio peso corporeo, che va moltiplicato per 0.8: il risultato che si ottiene sono i grammi di proteine da assumere al giorno. (es. donna di 55kg x 0.8 = 44g di proteine al giorno). 

Una carenza di proteine riguarda soprattutto i paesi in via di sviluppo, e colpisce i bambini per la mancanza di cibo e uno scarso apporto di proteine.  La principali forme di carenza sono marasma e kwashiorkor. 

In genere però, si registra soprattutto un eccesso di proteine, il cui consumo elevato predispone a: malattie di cuore, molte forme di cancro, ipertensione, osteoporosi e malattie e calcoli renali. 

Quali cibi contengono più proteine vegetali

 Le proteine aiutano a far crescere e mantenere la massa muscolare. Ma dove si trovano le proteine vegetali? La scelta è davvero ampia e soddisfacente.

Le proteine vegetali si trovano negli alimenti di origine vegetale: cereali, seitan, legumi (fagioli, ceci, lenticchie, fave, piselli), soia e derivati (tofu, tempeh, miso, tamari shoyu), muscolo di grano, frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pinoli), semi (semi di sesamo, semi di canapa, semi di chia), alghe (spirulina) e in piccole quantità anche frutta e verdura.Un eccesso di proteine, oltre a non essere assorbito dall’organismo, porta ad un sovraccarico di lavoro reni e fegato, gli organi deputati all’eliminazione delle scorie.

  1. Iniziamo dalle Proteine della Canapa, che sono composte al 50% da proteine vegetali e forniscono all’organismo i 9 amminoacidi essenziali.
  2. Un’altra fonte importante è il Tofu, un cibo molto utilizzato in diverse ricette o da solo, che contiene magnesio e ferro (sali minerali che non possono mancare in una dieta equilibrata).
  3. Un altro alimento che permette di coprire il fabbisogno proteico quotidiano è la Quinoa. Puoi scegliere sia la quinoa bianca sia quella rossa oppure la tipologia nera, ognuna di queste è costituita da un perfetto equilibrio di carboidrati e proteine, oltre agli aminoacidi essenziali. Un vero superfood da inserire nell’alimentazione regolarmente.
  4. Il Tempeh, invece, è un cibo a base di Soia fermentata che si utilizza da secoli nella gastronomia orientale ed è stato aggiunto di recente anche nelle pietanze dei paesi occidentali. Si tratta di un alimento che contiene molte proteine vegetali tanto da essere chiamato “carne di soia”. Il suo utilizzo è vario e con esso si possono preparare numerose ricette. Da inserire nella dieta quotidiana per assumere proteine vegetali,
  5. ci sono pure i Semi di Canapa e i Semi di Chia. Si tratta di piccolissimi semi che possono essere aggiunti all’insalata, allo yogurt vegetale , ai frullati, alle minestre o sparsi sugli alimenti. Sono ricchi di nutrienti fondamentali per il benessere generale di corpo e mente. 
  6. Un’altra importante fonte di sostanze nutrienti e proteine proviene dalla Frutta Secca tra cui MandorleNociArachidi Anacardi.
  7. Inoltre, i legumi come LenticchieCeci Fagioli che rappresentano un ottimo sostituto della carne, donano all’organismo energia e una grande quantità di proteine vegetali per costruire massa muscolare efficiente.
  8. Le alghe non possono mancare quando si parla di superfood! La Spirulina Ã¨ l’alga azzurra più utilizzata e apprezzata per le sue proprietà curative e il grande valore nutrizionale. Si trova in diverse versioni, sia come alimento che come compresse da portare sempre con sé per avere una buona scorta di proteine di origine vegetale

A cosa servono le proteine vegetali

Nel corpo umano, durante una giornata, le proteine sono scomposte in amminoacidi e ricomposte per formarne di nuove: questo ricambio permette di crescere, guarire e creare le difese.

Le proteine svolgono ruoli molto importanti, fra cui la catalisi enzimatica, la contrazione muscolare (actina e miosina), la regolazione dell’espressione genica, la gestione del messaggio ormonale (insulina), la protezione contro agenti nocivi (immunoglobuline, interferone, fibrina), la regolazione e il trasporto (emoglobina per il trasporto di ossigeno, lipoproteine per il trasporto di lipidi, transferrina per il trasporto del ferro).

E vi consiglio un libro di Anne Dufour

” Il grande libro delle proteine vegetali. Proprietà, virtù e ricette ” ,

Che potrete acquistare cliccando su questo link :





































Se ti è piaciuto articolo e queste ricetta e/o le riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividile sui social usando i tasti in cima e in fondo agli articoli oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :

👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

☘mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog

 â˜˜seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




TARTE FLAMBÈE ALSAZIANA VEGANA IN 3 VERSIONI : CLASSICA, AUTUNNALE E MEDITERRANEA ; L’HO SERVITA ACCOMPAGNATA DA UN’INSALATA COLORATA DI CRAUTI ROSSI ,CAVOLO NERO RICCIO E FUNGHI SHIITAKE

La Tarte Flambée all’Alsaziana, chiamata spesso anche Flammekueche o Tarte Flambée à l’Alsacienne, è una torta salata tipica della Francia dalla consistenza a metà tra una Pizza e una Focaccia, tanto che viene spesso indicata anche come Pizza Alsaziana o Focaccia dell’Alsazia.
Questa facile ricetta vegana tarte flambée consiste in una sottile e croccante pasta di pane senza lievito.
Il risultato è sempre estremamente soddisfacente. Una pizza non pizza leggera, sottile, croccante, digeribile e soprattutto senza lievito ! Già, nell’impasto non c’è nemmeno un grammo di lievito, ma c’è la birra. Un impasto morbido, elastico e gustosissimo. Perfetto da preparare tutte le volte in cui vi viene una voglia improvvisa di pizza…eh già, perché qui non c’è proprio nulla da far lievitare ðŸ˜‰ Una pizza preparata con la birra che, con il malto che essa naturalmente contiene, facilita la lievitazione dell’impasto.
 La tarte flambée è originaria dell’Alsazia e ,nella versione classica, la pasta sottile non lievitata è condita con panna acida, cipolle e pancetta. Naturalmente cuciniamo la tarte flambée vegana. Non solo ha un sapore fantastico, ma è anche fatto in meno di 30 minuti. Si basa su un impasto semplicissimo a base di farina, acqua, olio e sale, che non deve lievitare o riposare a lungo. Anche l’alternativa vegana alla panna acida viene rapidamente fatta in casa con soli 3 ingredienti. E al posto della pancetta usiamo il tofu affumicato.
Per non annoiarti troppo velocemente con la classica tarte flambée alsaziana, abbiamo anche 2 ottimi condimenti alternativi per te. La versione con zucca, funghi shiitake e rosmarino ha un sapore ancora più autunnale rispetto all’originale, mentre la versione fresca e mediterranea segna con pomodori secchi, olive e cipolla. Fondamentalmente puoi mettere tutto ciò che la tua cucina offre su una tarte flambée , anche la frutta ( infatti spesso veniva fatta anche con pere e mele) purché abbia un buon sapore per te. Essere creativo! Anche se la tarte flambée è molto semplice da preparare, puoi anche adattarla facilmente a ogni stagione e gusto. Che tu lo condisca con zucca, fette di mela o pesto, le opzioni sono infinite.
Tradizione vuole che la Torta Fiammeggiata all’Alsaziana venga cotta nei forni a legna, proprio prima di cuocere il tradizionale pane. Si dice infatti che sia proprio la cottura della Flammekueche a definire la temperatura del forno e a capire quando sia il momento giusto per cuocervi il pane.
A proposito di base! Abbiamo preparato la nostra tarte flambée vegana in stile alsaziano con un impasto per tarte flambée con 100% farina di farro .
IN COSA SI DIFFERENZIA DALLA PIZZA ?
Sebbene sembrino simili alcune cose differenziano questa specialità Alsaziana dalla Tradizionale Pizza :
IMPASTO : La PIZZA è fatta con pasta lievitata , mentre la TARTE FLAMBÈE di solito non richiede lievito e diventa super croccante e quindi anche super veloce da preparare anche all’ultimo momento.
CONDIMENTO :mentre solitamente la PIZZA richiede salsa di pomodoro come base , la TARTE FLAMBÈE utilizza la CREME FRAICHE ( panna acida) o FROMAGE BLANC ( formaggio spalmabile bianco), nonchè CIPOLLE E PANCETTA.
Ci sono tanti modi a base vegetale per completare la tua TARTE FLAMBÈE , quindi personalizzala a tuo piacimento giocando con ortaggi ma anche frutta.
Come vi dicevo io ho fatto 3 varianti , utilizzando sempre la stessa base :
1 ) Tarte Flambée classica Alsaziana : con panna acida al tahini + cipolle + tofu affumicato +sale + peperoncino+ 1 pizzico di noce moscata ed ho aggiunto il mio tonno veg di jackfruit (https://viaggieassaggifelici.blog/2022/01/20/tonno-veg-di-jackftuit/)
2) Tarte Flambée Zucca-Funghi Shiitake : FORMAGGIO SPALMABILE DI ANACARDI+ zucca hokkaido oppure delica oppure butternut +3/4 funghi shiitake ( ammollati) + 1 cucchiaio di olio evo + 1 cucchiaino di salsa di soia +1-2 rametti di rosmarino +sale + peperoncino
3) Tarte Flambée Mediterranea : RICOTTA FERMENTATA DI NOCI +pomodori secchi +zucchine alla scapece +olive +cipolla +sale + peperoncino

INGREDIENTI

Impasto

  • 350 g di farina DI FARRO
  • 100 ml di acqua
  • 100 ml di birra a temperatura ambiente
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 1 cucchiaino di sale
  • 5 gr di bicarbonato
PANNA ACIDA VEGANA AL TAHINI ( dosi per 1 tarte flambèe , quindi dovrete raddoppiare o triplicare dosi per fare più tarte flambèe, io l’ho usata solo per una base )

  • 1 cucchiaino e 1/2 di sale
  • 3 cucchiai di yogurt di soia
  • 1 cucchiaio di tahini
  • 1 cucchiaio di erbe miste tritate
  • 1 cucchiaino di d’oliva extravergine
  • aglio in polvere q.b.
  • 2 cucchiai di succo di limone o lime
  • 1 cucchiaino di aceto di mele
  • 1 cucchiaino di lievito alimentare

FORMAGGIO SPALMABILE DI ANACARDI

  • 125 g di anacardi
  • 90 ml  d’acqua o più fino alla consistenza desiderata
  • 2 cucchiai scaglie di lievito nutrizionale per un sapore di formaggio
  • 1 pizzico di aglio in polvere
  • 1  cucchiaio succo di lime  appena spremuto
  • sale e peperoncino a piacere
  • un pizzico di paprika in polvere facoltativo
RICOTTA FERMENTATA DI NOCI

  • 100 g  DI NOCI OPPURE altra frutta secca A SCELTA
  • 90 g Acqua
  • 1 Capsula di Probiotici contenuto
  • 1/2 cucchiaio Sciroppo d’Acero O Agave ( per una nota di dolcezza)
  • 1 cucchiaino Lievito Alimentare in Polvere
  • 2/3 cucchiaino Sale Marino
  • 1/4 cucchiaino Aglio in Polvere omettere per l’uso in ricette dolci

CONDIMENTO PER LA PRIMA TARTE FLAMBÈE ALSAZIANA VEGANA

  • PANNA ACIDA AL TAHINI ( VEDI RICETTA)
  • tonno veg di jackfruit ( trovate la mia ricetta nel blog)
  • 1 cipolla
  • 1/2 panetto di tofu affumicato ( oppure tofu al naturale + qualche goccia di fumo liquido)+ 1 cucchiaio di salsa di soia+ 1 cucchiaio di olio
  • sale + peperoncino+ 1 pizzico di noce moscata
  • qualche rametto di timo
  • lievito alimentare

CONDIMENTO PER LA SECONDA TARTE FLAMBÈE ALSAZIANA VEGANA

  • FORMAGGIO SPALMABILE DI ANACARDI ( VEDI RICETTA)
  • 1/2 zucca hokkaido oppure delica oppure butternut ( io ho usato la DELICA)
  • 3/4 funghi shiitake ( ammollati) + 1 cucchiaio di olio evo + 1 cucchiaino di salsa di soia
  • 1-2 rametti di rosmarino
  • sale + peperoncino
  • lievito alimentare

CONDIMENTO PER LA TERZA TARTE FLAMBÈE ALSAZIANA VEGANA

  • FORMAGGIO FERMENTATO ( VEDI RICETTA)
  • pomodori secchi
  • zucchine alla scapece ( zucchine genovesi +aceto di mele+aglio granulare q.b.+olio evo 2 cucchiaini+menta fresca+sale q.b. ( io rosa dell’himalaya )
  • olive
  • 1 cipolla
  • sale + peperoncino
  • lievito alimentare

INSALATA COLORATA DI CRAUTI ROSSI ,CAVOLO NERO RICCIO E FUNGHI SHIITAKE

  •  Â½ cavolo cappuccio viola
  • 15 g di funghi shiitake secchi ammollati
  •  1 cipolla rossa
  •  1 pizzico di sale
  •  4 pomodori secchi
  •  aceto di vino
  • salsa di soia
  •  1 cucchiaio di olio evo
  • olive verdi carnose da mercato
  • carote
  • cavolo riccio

PREPARAZIONE

  • IMPASTO :Mettere gli ingredienti per l’impasto in una ciotola e impastare bene( oppure con macchina del pane o planetaria,usando solo 300 gr di farina e 75 ml di acqua e lasciando 50 gr di farina e 25 ml di acqua da parte) Lasciate riposare l’impasto fino a quando non avrete preparato gli altri ingredienti. Io avevo tempo e l’ho fatta lievitare 4/5 ( ma basterà anche solo 1 ora).Riprendi impasto e unisci gli ultimi 50 gr di farina ed unendo gli altri 25 ml di acqua dove avete sciolto il bicarbonato ,impasta nuovamente e metti a lievitare un’altra ora in frigo ,io avevo tempo e l’ho lasciata tutta la notte.Riscalda il forno a 200° (con una teglia da forno) a pieno fuoco con il calore superiore e inferiore.
  • PER LA PANNA ACIDA AL TAHINI : Combinate tutti gli ingredienti e frullare fino a formare un composto omogeneo e cremoso.Assaggiate con un cucchiaino e regolate secondo le vostre preferenze aggiungendo più di uno qualsiasi dei componenti.Goditi subito la tua panna acida fatta in casa o trasferiscila in un contenitore sigillato e mettila in frigorifero. Con il tempo diventerà più sodo e si conserva bene per 4-5 giorni.
  • PER IL FORMAGGIO SPALMABILE DI ANACARDI :Mettere a bagno gli anacardi per 4 ore (o fino a una notte). In alternativa, farli bollire per soli 10 minuti per accelerare.Quindi sciacquare e scolare gli anacardi bagnati e metterli in un frullatore ad alta velocità o in un robot da cucina. Aggiungere tutti gli altri ingredienti e frullare fino ad ottenere una consistenza simile alla ricotta. Assaggiare e regolare di sale e peperoncino o aggiungere altra acqua alla consistenza desiderata, se necessario.Trasferite il composto in un contenitore e lasciatela riposare in frigorifero per un paio di ore, poi il vostro formaggio spalmabile sarà pronto per essere gustato così al naturale o utilizzata come ingrediente nelle vostre ricette, ad esempio per condire una pasta o come ripieno per una torta salata o nella nostra TARTE FLAMBÈE ALSAZIANA VEGANA.
  • PER LA RICOTTA FERMENTATA DI NOCI : Aggiungere LE NOCI SGUSCIATE (oppure L’ALTRA FRUTTA SECCA SCELTA)in una ciotola e cospargerli con il contenuto della capsula di probiotici. Ricoprire con l’acqua , dare una bella mescolata con un cucchiaio , coprire con un piatto o della pellicola e lasciar fermentare una notte (dalle 8 alle 12 ore).Il giorno seguente trasferire la frutta secca e probiotici con tutto il liquido nella ciotola di un frullatore potente assieme al resto degli ingredienti.Frullare a intervalli di 20-30 secondi fino a ottenere una consistenza cremosissima,(potreste aver bisogno di aggiungere qualche goccia di acqua extra per ottenere la consistenza ideale; vi consiglio di iniziare con mezzo cucchiaio o un cucchiaino alla volta e vedere come va. Non vogliamo rendere il composto troppo umido, altrimenti non riuscirebbe a rapprendersi).Ora fate colare in un colino o scolapasta ricoperto da un canovaccio , finchè perde tutto il liquido in eccesso. Trasferire con cura la crema di formaggio in un fuscella e copritela con una garza.Far riposare il formaggio in frigorifero per almeno 12 ore (i risultati migliori si ottengono dopo 24 ore).Aggiungete , 1/2 cucchiaio Sciroppo d’Acero O Agave ( per una nota di dolcezza),1 cucchiaino Lievito Alimentare in Polvere,2/3 cucchiaini Sale Marino,1/4 cucchiaino Aglio in Polvere omettere per l’uso in ricette dolci.Gustate il formaggio vegano fermentato subito oppure conservatelo in frigo fino a una settimana.
  • Pioi Dividere l’impasto in tre palline oppure come ho fatto io fare un’unica teglia e dividerla in 3 parti con i 3 condimenti,stenderla/e sottilmente su una carta da forno aiutandosi con un po’ di olio evo . Spalmare la panna acida vegana sull’impasto o sugli impasti e guarnire con gli ingredienti a scelta. Condite con sale e peperoncino e cuocete sul ripiano inferiore fino a che non risulteranno croccanti. Questo richiede solitamente solo circa 7-8 minuti a 200 °.
  • PER LE 3 DIVERSE VARIANTI:

  1. Tarte Flambée classica Alsaziana: Mondate, tagliate a metà e affettate le cipolle il più sottile possibile. Tagliare il tofu affumicato a cubetti o strisce sottili ( io l’ho messo a macerare in salsa di soia, olio evo e fumo liquido)
  2. Tarte Flambée Zucca-Funghi Shiitake: Tagliate a metà, private dei semi e affettate la zucca il più sottile possibile. Ammollate i funghi shiitake , strizzateli e marinateli con salsa di soia ed olio evo . Eliminate gli aghi dai rametti di rosmarino.
  3. Tarte Flambée Mediterranea: Tagliare a metà i pomodori secchi e tagliarli a listarelle. Affettate finemente le olive. Affettate finemente anche la cipolla.Prima di tutto lavate le zucchine e tagliatele a rondelle  tutte dello spessore, Poi ponete in una ciotola ampia e capiente l’aceto con pari quantità di olio, un pizzico di sale, foglie di menta fresca e l’aglio . Lasciate marinare da parte.( io ho marinato le zucchine all’interno prima di friggerle, ma potete anche non farlo .1) FRITTE IN PADELLA in una padella capiente, scaldate abbondate olio e friggete le zucchine quando arriva a temperatura. Immergete e lasciate friggere per 2 minuti circa. Devono risultare croccanti e dorate. Scolate perfettamente.2) IN FRIGGITRICE AD ARIA: mettere le zucchine nel cestello della friggitrice ad aria spruzzare qualche pouf dondolio evo e cuocere per 15 minuti a 200° ,agitando il cestello a metà cottura. Saranno come fritte ,croccanti ma non unte.Poi ancora calde immergetele nell’emulsione profumata avendo cura di girare perfettamente al fine di condirle tutte. Valutate al momento se necessitano ancora di un pò d’olio- aceto o sale. Ricordatevi che devono risultare condite, ma non molli!Lasciate in marinatura per almeno 1 h prima di servirle.Ecco pronte le vostre Zucchine alla scapece 

  • INSALATA COLORATA DI CRAUTI ROSSI ,CAVOLO NERO RICCIO E FUNGHI SHIITAKE :Intanto ammollate i funghi shiitake;Tagliate i crauti rossi a strisce sottili ; Tagliate i pomodori secchi e i funghi shiitake crudi a strisce ;Tagliate con una mandolina la carota ; Tagliate a pezzetti il cavolo riccio e la cipolla rossa ;aggiungi le olive a rondelle ,condite con l’ olio, la salsa di soia e l’aceto di mele , quindi mescolate molto bene e lasciate riposare l’ insalata di cavolo in modo che si ammorbidisca.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :

🌱alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

🍄mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 
🍾seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




SPIEDINI DI TEMPEH ALLA PIASTRA IN AGRODOLCE CON SALSA TERIYAKI ,SESAMO E ANACARDI ,SERVITI CON FRITTELLE PASTELLATE DI ALGHE NORI E WAKAME E CONTORNO DI SHAKSHUKA VEGANA CON UOVA VEGANE FRITTE

🌱Il Tempeh Ã¨ un alimento proteico conosciuto e apprezzato da molti appassionati dell’alimentazione naturale.

É un alimento fermentato ricavato dai semi di soia gialla.

Nutriente, gustoso e molto versatile.

Utilizzato in sostituzione della carne, ha una buona dose di fibre, meno grassi, una composizione complessiva più digeribile e assimilabile.

🌱La SALSA TERIYAKI è una salsa agrodolce di accompagnamento giapponese : Gli ingredienti di base della salsa Teriyaki sono: la salsa di soia, il mirin e lo zucchero.In particolare, Ã¨ il mirin a donare a questa salsa quel caratteristico sapore umami, un gusto sapido, ma delicato, molto piacevole al palato.Io ho sostituito il Mirin con vino bianco e aceto di mele !!!

🌱Adoro le Alghe e questa volta ho voluto proporle in PASTELLA , come accompagnamento dei nostri spiedini : solitamente si trovano già pronte in sacchettini , acquistabili in negozi specializzati , Snack giapponese di alghe nori in tempura al sapore di wasabi, consigliato anche come appetizer !

Dopo un paio di tentativi ho capito che per ottenere un buon surrogato di fritto dovevo usare una piccola quantità di grasso all’interno della pastella, olio, in modo che il calore vada a stimolare questo componente ricreando in cottura l’effetto “fritto”.

In questo modo il risultato finale sarà il classico effetto croccante della verdura pastellata fritta.

Fondamentale è preparare una pastella leggermente più densa del normale e congelare anche solo per 1 oretta gli alimenti pastellati o solo la pastella ,in questo modo si eviterà che la pastella coli sul fondo prima di cuocersi.

🌱La shakshuka è un piatto maghrebino, introdotto poi nella cucina israeliana dagli ebrei maghrebini emigrati in Israele, e in Italia dagli ebrei tripolini, in seguito al loro esodo insieme agli italo-libici dalla Libia nella seconda metà del secolo scorso.Ingredienti principali: cipolla, aglio, pomodori, peperoni, pepe nero, spezie e uova FRITTE …E come sapete a me piace  “VEGANIZZARE ” tutto !!!Oggi allora vi propongo. la rivisitazione di 1  piatto a base di uova che però a base di uova non è: le uova vegane al TEGAMINO fritte .Divertitevi, anche con l’aiuto dei più piccoli, a preparare e comporre questo inaspettato piatto  tutto vegetale da gustare ogni volta che vorrete!Ingrediente  principale ,per ricreare anche il sapore tipico delle uova è il SALE KAKA NAMAK, troverete nella ricetta anche il link per poterlo acquistare !!!

Anche se questa shakshuka non è la versione tradizionale, ho fatto del mio meglio per rendere omaggio al piatto tradizionale. 

✔Olio: puoi usare qualsiasi olio!

✔Pomodori a cubetti: preferisco usare i polpa di pomodoro pomodori per facilità , ma puoi sicuramente usarli freschi. Se li usi freschi, assicurati che siano belli, succosi e di colore intenso.

✔Fiocchi di cumino, aglio e peperoncino: essenziali per quel sapore tradizionale.

✔Cipolle: puoi usare cipolle bianche, gialle o viola. Consiglio di tagliarli a dadini.  

✔Peperone – tradizionalmente trovato anche in Shakshuka, aggiunge un bel sapore e consistenza alla salsa.



Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr tempeh

per la mia salsa Teriyaki:

  • 4 cucchiai di tamari o soia
  • 1 cucchiaio di vino bianco
  • 3 cucchiai di aceto di mele
  • 2 cucchiai di succo d’agave o acero o riso
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino di aglio in polvere
  • 2/3 CUCCHIAI di maizena

Per Decorare :

  • 2 manciate di anacardi
  • coriandolo fresco
  • semi di sesamo

Per le FRITTELLE PASTELLATE di Alghe Nori e Wakame

  • 1 FOGLIO ALGA NORI
  • 25 gr di ALGHE WAKAME
  • 1 CUCCHIAIO di Bicarbonato
  • 400 GRAMMI FARINA INTEGRALE O TIPO 1 O SEMOLA DI GRANO DURO
  • 4 CUCCHIAIO AMIDO DI MAIS
  • 600 ml circa di ACQUA FRIZZANTE fredda
  • 3 CUCCHIAIO di olio
  • Potete aggiungere alla farina; dello zenzero in polvere, noce moscata, paprika o qualunque altra spezia di vostro gradimento per rendere ancora più gustosa questa semplicissima preparazione.
  • PER LA SALSA DI ACCOMPAGNAMENTO :
  • SALSA SOIA O TAMARI
  • Q.B. SALE
  • Q.B. ZENZERO in polvere

Per la SHAKSHUKA VEGANA

Per la salsa di pomodoro
  • 2 cucchiai olio evo
  • 2 cucchiaini cumino
  • aglio granulare q.b.
  • 2 cipolla a fette ( o scalogni)
  • 2 datteri snocciolati, tritati
  • 2 cucchiai concentrato di pomodoro
  • 400 gr di polpa di pomodoro
  • 690 gr di passata di pomodoro
  • 1 limone bio, solo la buccia grattugiata
  • 2 dl acqua
  • 1 cucchiaino sale
  • 2 presa cannella
  • 2 cucchiaini paprica dolce
  • 1 cucchiaino peperoncino in polvere
  • 2 mazzetto coriandolo, tagliato finemente o erba cipollina
  • peperone medio , tagliato a dadini
Cipolle sottaceto
  • 2 cipolle a fettine sottili o 4 scalogni
  • 4 cucchiai aceto di mele
  • 2 cucchiaini sciroppo d’acero o agave
  • 1 cucchiaino cumino
  • 2 cucchiaini sale

Per le UOVA FRITTE

Per l’albume

  • 60 g di tofu
  • 2 cucchiai di olio di cocco
  • 1 tazza di farina di riso
  • 2 cucchiai di amido di mais
  • 1 cucchiaino di sale integrale rosa dell’himalaya
  • 1/2 cucchiaino di sale kala namak
  • 1 tazza di latte di soia al naturale
  • 1 cucchiaino di agar-agar

Per il tuorlo

  • 1 cucchiaio di amido di mais
  • 1 cucchiaio di farina di ceci
  • 1 cucchiaino di agar agar
  • ½ cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 4 cucchiai di lievito alimentare
  • 1 cucchiaino di zafferano
  • ½  cucchiaino di paprika dolce
  • un pizzico di sale rosa dell’himalaya integrale
  • 1/2 cucchiaino di sale kala namak
  • q.b. di acqua

PROCEDIMENTO

  • PER GLI SPIEDINI DI TEMPEH :La sera prima o la mattina, mettere il tempeh a marinare: tagliarlo a pezzetti, preparare la salsa teriyaki casalinga mescolando tutti gli ingredienti , eventualmente aggiungere un poco di acqua e condire il tempeh, dovrà essere ben ricoperto.Scaldare dell’olio con aglio granulare in una padella versare la marinata e scaldare a fuoco dolce. Diluire la maizena con un cucchiaio di acqua, aggiungerlo alla marinata e mescolare, finchè la salsa non si inspessisce. Infilzare i bocconcini su spiedini , io ho comprato e vi consiglio quelli in acciaio (assicuratevi che entrino nel cestello della friggitrice ad aria prima di questo passaggio). In totale dovreste averne abbastanza per 8 spiedini.Preparare gli spiedini, infilzando i cubetti di tempeh, in un piatto abbastanza a lungo in modo che possano essere distesi e cospargerli con la miscela della marinatura, assicurandovi di coprirli tutti in modo uniforme aggiungendo gli anacardi tritati , semi di sesamo – e del coriandolo fresco se piace.Coprire e porre in frigorifero per almeno una notte.Mettere gli spiedini nella friggitrice ad aria per 10 minuti a 204° C .A metà cottura girarli e spennellarli con la marinatura avanzata per permettere una cottura uniforme.Servite con la vostra scelta di accompagnamento.Potreste cucinare i vostri spiedini in forno o semplicemente in padella o sulla piastra !!!
  • PER LE FRITTELLE PASTELLATE DI ALGHE NORI E WAKAME: Tosta i fogli di alga Nori in una padella ben calda per 2-3 minuti.Mettere le alghe WAKAME in abbondante acqua fredda, aggiungere un cucchiaio di bicarbonato e lasciarle in ammollo.Fai raffreddare le alghe nori e, con un coltello affilato, dividili in rettangoli di circa 5×10 cm. Prepara la salsa mescolando lo zenzero grattuggiato con la salsa di soia e 4 cucchiai di acqua.Per la pastella, setaccia la farina con l’amido di mais e un pizzico di sale in una ciotola, poi unisci l’acqua frizzante, ghiacciata e l’olio mescolando velocemente con una frusta…Immergi solo in parte i rettangoli di alga nella pastella ( Intingendo le alghe , queste dovranno trattenere la pastella su entrambi i lati; se troppo liquida aggiungete nuovamente la farina a neve tramite un colino mescolando continuamente)Sgocciolare le alghe WAKAME ed aggiungerle tagliandole a pezzetti alla pastella e friggili in olio ben caldo per 2-3 minuti. Salali e servili accompagnati con la salsa preparata.Oppure come ho fatto io in friggitrice ad aria ( dopo averli messi in freezer almeno per 1 ora ), Sistemate le verdure nel cestello della friggitrice ad aria precedentemente oliato , cercate di non sovrapporli e cuocete a 200°C per 6 minuti, fino a che non avranno un aspetto ambrato e risulteranno rigide al tocco,fino a raggiungere la croccantezza ottimale e fino a quando saranno poco  dorati .Servite le verdure fritte croccanti con sale e la salsa preparata .
  • PER LA SHAKSHUKA VEGANA : Scaldare l’olio in una casseruola e rosolarvi il cumino. Aggiungere l’aglio, la cipolla e i datteri tritati e continuare la cottura. Unire polpa e passata di pomodoro e il resto degli ingredienti fino alla metà del coriandolo compresa, portare a ebollizione, quindi abbassare il fuoco e far sobbollire per ca. 15 min.Per le cipolle sottaceto,Mescolare le cipolle e tutti gli ingredienti fino al sale incluso e mettere da parte,quando la ” pappa al pomodoro ” è a metà cottura unire le cipolle sottaceto che nel frattempo avranno macerato .Per le uova fritte ,Partiamo dalla preparazione dell’albume: in un mixer mettete il tofu, l’olio di cocco, la farina di riso, l’amido di mais, il sale integrale marino e quello kala namak, il latte di soia e l’agar-agar, quindi frullate fino a che non avrete ottenuto un composto liscio e omogeneo.Mettete da parte.
  • Ora provvedete e alla preparazione del tuorlo. Ponete nel vostro mixer  amido di mais, farina di ceci,agar agar ,bicarbonato ,il lievito alimentare, la curcuma o zafferano, la paprika dolce, i sali, l’olio e il pomodoro. Iniziate a frullare per bene il tutto, aggiungendo a filo l’acqua fredda in modo che il vostro composto diventi liscio ma non troppo liquido. La consistenza dovrà essere quella del vero tuorlo.Mettete sul fornello una padella antiaderente, ungetela leggermente con dell’olio extravergine aiutandovi con un tovagliolino di carta, quindi prelevate con un cucchiaio da portata dell’albume   e dopo aver posto  un coppapasta nella padella versatevi attorno l’albume( se non avete coppapasta non è indispensabile, io non l’ho usato)In questo modo rimarrà un buco nel mezzo che servirà a ospitare il vostro tuorlo.Riempite quindi il buco con un cucchiaio di tuorlo.Cuocete per 3-4 minuti a fuoco molto basso in modo da non bruciare l’uovo durante la cottura.Dopo ogni cottura, ungete sempre il fondo della padella e cominciate così da terminare entrambi gli impasti.Et voilà, come per magia il vostro uovo al tegamino è pronto!Potrete congelarlo e scongelarlo passandolo in padella ogni volta che lo vorrete!Infine Con un cucchiaio formare due cavità nella salsa di pomodoro, quindi versarvi le ” uova vegane ” fritte e lasciar cuocere per ca. 15 min. a fuoco basso. Cospargere con il resto del coriandolo.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :
👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai
🌱mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 â˜˜seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




CHEESECAKE VEGAN CON BASE DI MUESLI FATTO IN CASA, CON DOPPIA CREMA DI ANACARDI , TOFU E FRAGOLE, CON SALSA DI FRAGOLE

La cheesecake vegan di anacardi ,tofu e fragole è un dolce senza glutine, senza cottura, senza lievito, senza farine, stupenda nella sua golosa semplicità !!!

Una base Solo frutta secca, un dolcificante a scelta tra zucchero, sciroppo d’acero , sciroppo di agave…, tofu e fragole. La base è al cioccolato e prevede la granola (muesli) fatta in casa insieme ai datteri , al posto dei biscotti !!!

Ingredienti

Per la Crema

  • 300 g Anacardi
  • 180 g Tofu
  • 120 g (circa) Sciroppo d’agave o Acero oppure 160 g di eritritolo a velo ( oppure 60 gr di sciroppo di agave + 100 gr di eritritolo ridotto a velo)
  • semi di 1  baccello Vaniglia
  • 15 FRAGOLE o comunque 250 gr
  • 2 cucchiai di latte di riso
  • 15 g di agar agar + 50 ml di latte di riso

Per la base:

  • 90 g mandorle pelate
  • 45 g di nocciole
  • 50 g Farina di cocco o cocco rapè
  • 35 g cacao in polvere
  • 6/7  datteri ammollati
  • 3 cucchiai olio di cocco fuso(oppure olio di semi)
  • 2 cucchiai fiocchi d’avena
  • 30 gr di uvetta ammollata
  • 30 gr mirtilli
  • 1 cucchiaio di miele vegano alla lavanda che ho fatto in casa
  • 1 pizzico di sale
  • 2-3 cucchiai di acqua (se necessario)

Per la salsa di fragole:

  • 10 Fragole
  • 2 cucchiai Sciroppo d’acero o Agave o 4 cucchiai Eritritolo a velo o 1 cucchiaio di miele vegano

PROCEDIMENTO

  • PER LA BASE :inserte mandorle pelate e nocciole nel mixer. Frullate fino ad ottenere una farina morbida grossolana.Aggiungete nel bicchiere del mixer 35g di cacao in polvere, 50g di farina di cocco (o cocco rapè), fiocchi di avena e un pizzico di sale. Frullate.Sciogliete in un pentolino 3 cucchiai di olio (di cocco, di mandorle..) e versatelo nel mixer insieme ai mirtilli ed ai datteri ed uvetta scolati. Frullate e ottenete un composto sodo e malleabile. Aggiustate la dolcezza a seconda dei vostri gusti con il vostro dolcificante preferito: sciroppo d’agave, d’acero, miele vegano o eritritolo.
  • PER LA CREMA : Ammollate gli anacardi per almeno 3 ore. Lessate il tofu per 5 minuti: servirà a togliere tutto l’amarognolo. Asciugate bene e lasciate intiepidire.Scolate gli anacardi e divideteli in due mucchietti di peso uguale . Frullate il primo mucchietto con il tofu, il dolcificante scelto, la vaniglia e 2 cucchiai di latte di riso. Frullate il secondo mucchietto con le fragole e il dolcificante scelto.
  • Fate bollire 15 g di agar agar con 50 ml di latte di riso ed unirlo alle 2 creme ,mescolare e versare rapidamente nello stampo.
  • COMPOSIZIONE CHEESECAKE: Foderate lo stampo scelto con carta forno .Versate la base e con il dorso di un cucchiaio livellatela, poi procedete con la crema rosa e riponete in freezer per una mezz’ora, infine con quella bianca.Riponete in frigorifero per qualche ora almeno. Servite con la salsa di fragole, frullandole e cuocendole con sciroppo di agave ,eritritolo o miele vegano in un pentolino finchè la salsa si addensa un po’. Intingete poi qualche fragola e guarnite la superficie della cheesecake vegan di anacardi.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :
👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai
🌱mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 â˜˜seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

🥄HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




KHACHAPURI VEGAN: BARCHE DI FOCACCIA GEORGIANA RIPIENA DI CREMA FORMAGGIOSA

🇬🇪É UN piatto tipico della Georgia, molto diffuso anche in🇷🇺 Russia.

🥖Letteralmente significa “pane di formaggio”

🍕Si tratta quindi di un piatto povero, adatto al popolo, proprio come la pizza italiana. In Georgia è frequente trovarlo non solo al ristorante ma anche nei negozi, da consumare come spuntino durante la visita di città e villaggi.

Il khachapuri georgiano viene anche definito “la pizza al formaggio della Georgia”

Non è una pizza – ovviamente! – anche se la somiglianza con la nostra “pizza bianca”

È una focaccia ripiena, fatta solitamente con farina e yogurt o kefir, con all’interno del formaggio !!!

Inoltre le versioni di questa focaccia-pizza sono tante e diverse a seconda della regione della Georgia da cui proviene, anche se ciò che non manca mai, ovviamente, è il formaggio.

Questa mia versione vegana del khachapuri è fatta con tofu e formaggio di anacardi , con un risultato ed un sapore anche più raffinati !!!

La sua forma, simile a quella di una gondola o di una barchetta, lo rende anche scenografico, ideale per stupire i vostri ospiti.

Ecco i passaggi per prepararlo.

Ingredienti:

Per l’ impasto

  • 150 gr di farina di farro
  • 200 gr di farina di kamut
  • 150 gr di farina integrale
  • 1 bustina di lievito secco in polvere ( 35 gr , io ho usato pasta madre con lievito)
  • 1 cucchiaino sciroppo di agave
  • 200 ml di latte di mandorle ( o acqua)
  • 50 gr di yogurt di soia al naturale
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di olio evo + altro per ungere e spennellare

Per la “salsa di formaggio”

  • 65 gr di anacardi in ammollo per 6 ore circa e sgocciolate
  • 150 gr di tofu
  • 240 ml di latte di mandorle, soia , o acqua
  • 3 cucchiai scarsi di amido di mais
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di noce moscata
  • ½ carota piccola, tritata
  • 1 cucchiaio di lievito alimentare
  • 1/2 cucchiaino di salsa di soia o tamari
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • 1 cipolla, tritata finemente
  • ½ cucchiaino d’aglio granulare
  • Un pizzico di cumino macinato

Per l’ assemblaggio/guarnizione finale

  • 2 cucchiaini di latte veg
  • olio evo
  • 1 cipolla essiccata tritata ( facoltativo io non l’ho messa )
  • semi di sesamo ( facoltativo io non li ho messi )
  • peperoncino (facoltativo io non l’ho messo )

Preparazione

  • Preparazione Impasto:
  • 1. Mescolare le farine, il lievito, lo sciroppo di agave, lo yogurt, e latte di mandorle.
  • 2. Aggiungere il sale e l’olio, continuare a impastare per circa 10 minuti fino ad ottenere un impasto morbido e gradevole, metterlo in una ciotola, ungere un po’ dall’alto e dai lati, coprire e lasciare lievitare per almeno 2 ore in un luogo caldo fino al raddoppio del volume ( io lasciato lievitare per circa 6 ore, poi avevo tempo ed ho messo impasto in frigo per una notte ,ma se non avete tempo o voglia di aspettare potete omettere questa fase e passare alla fase successiva)
  • 3. Dividere l’impasto in palline e far lievitare ancora per circa 30 minuti.
  • Preparazione del ripieno:
  • 1. Tritare finemente gli anacardi bagnati in un robot da cucina o in un mini frullatore con 1/4 del latte veg scelto fino a ottenere una consistenza molto liscia.
  • 2. Aggiungere agli anacardi il tofu, 3/4 restanti di latte veg, la carota tritata,il lievito alimentare , l’olio,la cipolla tritata ,l’aglio granulare , l’amido di mais, il sale , il cumino,la salsa di soia e la noce moscata.
  • 3. Mescolare bene fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi.
  • 4. Trasferire il composto in una piccola casseruola e cuocere un po’ mescolando continuamente (in modo che non bruci) fino ad ottenere una consistenza morbida di formaggio.
  • Assemblaggio del piatto:
  • 1. Stendete ogni pallina di pasta in un rettangolo sottile (lo spessore qui è importante). Se l’impasto è appiccicoso potete aggiungere un po’ di farina per renderlo comodo da lavorare.
  • 2. Spalmare il formaggio di anacardi sull’impasto, arrotolare i bordi su entrambi i lati fino a un terzo del rettangolo su ciascun lato e stringere i bordi a forma di barchetta.
  • 3.Con 500 gr di farina potrete ricavare due “barche” grandi o 3 medie al cui centro porrete il formaggio . Chiudete i bordi in modo da formare un bel cornicione (alto almeno 2 cm)
  • 4. Aggiungere altro ripieno di formaggio nello spazio creato come risultato della forma che si è formata.
  • 5. spennellare i bordi con olio evo e latte veg e guarnire generosamente con cipolla tritata , cospargere generosamente con semi di sesamo e scaglie di peperoncino a piacere .
  • 6. Cuocete il Khachapuri vegano nel forno preriscaldato statico a 200°C per circa 10/12 minuti ,Terminate la cottura quando i bordi hanno assunto il colore della crosta della pizza dorata. 

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :
👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai
🌱mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 â˜˜seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog