1

CRESPELLE INTEGRALI ALLA BIRRA RIPIENE DI FONTINA VEGANA FATTA IN CASA E CIME DI RAPA E RICOPERTE DA BESCIAMELLA DI ANACARDI

Le crêpes, chiamate anche crespelle, sono cialde cotte che “si arricciano” risultando rugose, da qui crêpe che dal latino “crispus” significa arricciato. Si racconta che per la festa della Candelora celebrata il 2 febbraio, Papa Gelasio nel V secolo, pensò di sfamare dei pellegrini francesi, giunti a Roma per i festeggiamenti. Ordinò di portare dalle cucine delle grandi quantità di uova e farina, con i quali sarebbero state create le prime crêpes. I francesi le riportarono nel loro Paese, contribuendo a diffonderla in Francia, facendola diventare un vero e proprio simbolo della loro cucina.

Questo piatto può diventare il vostro cavallo di battaglia perché è facile da preparare e renderete contenti i vostri commensali. Ho fatto diverse versioni che trovate nel blog , Le crêpes che vi propongo sono a base di farina integrale e birra , per un gusto più sfizioso , ripiene di cime di rapa saltate in padella , fontina vegana che ho fatto in casa e ricoperte da besciamella di anacardi con latte di anacardi fatto in casa !!!

Ingredienti per 6 crespelle diametro 20 cm

Per le crespelle
  • 200 ml Birra
  • 125 ml di acqua
  • 125 g Farina integrale
  • Sale

Per il ripieno

  • 600 g cime di rapa
  • 125 g Fontina Veg che ho fatto in casa
  • 100 ml Birra
  • 1 Scalogno
  • 2 cucchiai di  Farina di mandorle
  • Olio di oliva extra vergine
  • Sale
  • formaggio grattugiato vegan : (  tritando 10 anacardi + 1 cucchiai di semi di lino tritati + 2 cucchiai di lievito alimentare + 1 pizzico di curcuma in polvere + 1 cucchiaino raso di sale integrale himalaya )

Per la Besciamella di anacardi

  • 100 g di anacardi al naturale+ 550 ml di acqua per la preparazione del latte di anacardi
  • 50 g di farina di riso,
  • 1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie,
  • un pizzico di sale,
  • noce moscata

FARINA DI MANDORLE PER GRATINARE IN FORNO

Istruzioni

  1. Preparate la pastella. Unite un pizzico di sale alla farina e incorporate la birra mescolata a 125 ml d’acqua. Coprite e lasciate riposare al coperto per un’ora.
  2. Preparare il ripieno Cuocete le cime di rapa in padella con olio , aglio e sale per 5 minuti e tritatele grossolanamente.
  3. Rosolate lo scalogno tritato con 2 cucchiai d’olio, aggiungete la fontina veg a dadini ( che si scioglierà), alzate la fiamma e dopo 2-3 minuti bagnate con la birra lasciandola evaporare e completate con le cime di rapa, mescolare il tutto !!!
  4. Cuocete le crespelle versando un mestolino per volta in una padella da 20 cm . Rispetto alle crespelle classiche la cottura è più lunga e la consistenza elastica. Ne verranno 6.Le crespelle si staccheranno da sole quando saranno pronte.
  5. Preparare la Besciamella Mettete in ammollo gli anacardi coperti d’acqua per almeno 8 ore. Trascorso questo tempo, scolateli e frullateli insieme a 550 ml d’acqua, in modo da ottenere un liquido liscio e omogeneo. Trasferite la bevanda di anacardi in un pentolino, stemperandovi pian piano la farina di riso, con l’aiuto di una frusta. Ponete su un fornello e portate a bollore lentamente, proseguendo la cottura per 6-7 minuti, fino a quando non si forma la besciamella. Aggiungete il lievito, sempre mescolando, e aggiustate di sale e noce moscata.
  6. Sistemate il ripieno al centro delle crespelle, spolverate con il formaggio grattugiato veg,chiudetele a fagotto oppure arrotolatele, poi e disponetele in una pirofila che avrete “sporcato ” con la besciamella. Quindi ricopritele di besciamella e cospargetele con la farina di mandorle e cuocete 5 minuti a 200 ° e poi gratinatele con solo grill sempre a 200°C per circa 5/7 minuti.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!

Condividila sui social usando i tasti in cima e in fondo all’articolo oppure lasciami un commento! Per te è un clic, per me una grandissima soddisfazione!

E NON DIMENTICARE DI ISCRIVERTI AL MIO GRUPPO FACEBOOK !!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate o pubblicare le vostre potete iscrivervi anche a :
👉alle newsletter di questo blog
https://page.co/PD3nai

mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici
facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog
 
seguirmi su Pinterest 
http://www.pinterest.com/viaggieassaggifeliciblog

HAI RIPRODOTTO QUESTA RICETTA?

Taggami su @Viaggi&AssaggiFelici e metti il tag #viaggieassaggifelici

 Non vedo l’ora di vedere com’è venuto il tuo piatto!




GOLDEN MILK ( latte d’oro)VEGAN

Il famoso Golden Milk chiamato anche latte d’oro, o turmeric milk, è una bevanda di origine ayurvedica che prende il nome dal suo colore dorato ed invitante grazie alla presenza della preziosa polvere di curcuma.

Il vero segreto racchiuso nel Golden Milk è che esso rende biodisponibile al nostro organismo la curcumina che è il portentoso principio attivo della radice di curcuma.

✅la curcumina viene attivata e potenziata se miscelata con la piperina (contenuta nel pepe),

✅essendo liposolubile, la curcumina si assorbe meglio se abbinata a dei grassi buoni. In più il calore ne aumenta la capacità di assorbimento,

✅rafforza il sistema immunitario

✅ha proprietà anti infiammatorie e analgesiche

✅ha proprietà antibatteriche, antisettiche e antivirali.

✅utile contro i tipici malanni della stagione fredda come raffreddore e mal di gola

✅diminuisce le infiammazioni

✅contribuisce ad abbassare il colesterolo

✅attenua i dolori articolari e muscolari

✅stimola gli enzimi a eliminare le tossine dal fegato

✅aiuta l’apparato digerente proteggendo le mucose gastriche

✅ha proprietà antiossidanti e contrasta i radicali liberi, colpevoli dell’invecchiamento cellulare

✅ha proprietà depurative e disintossicanti

La ricetta del Golden Milk prevede due preparazioni distinte: dapprima la creazione della pasta di curcuma e l’utilizzo di quest’ultima per preparare la bevanda vera e propria.

Ingredienti pasta di curcuma

  • 1 cucchiaio di polvere di curcuma
  • 2 cucchiai di acqua
  • 1 pizzico di pepe

Preparazione pasta di curcuma

  • Prendete un pentolino e versateci i tre ingredienti. Mescolate bene con un cucchiaino e fate scaldare il composto a fuoco molto lento. Pian piano la pasta di curcuma si addenserà diventando sabbiosa.
  • A questo punto la pasta di curcuma è pronta. Trasferitela in un barattolino di vetro pulito e una volta fredda, chiudete il barattolo con un coperchio e conservatela in frigorifero per 15-20 giorni al massimo.
  • Il consiglio è di farne piccole quantità alla volta così da averla sempre fresca e non conservarla troppo a lungo.
  • In alternativa potete preparare il Golden Milk anche espresso, non è strettamente necessario preparare in anticipo la pasta di curcuma. Averla pronta è solo un utilità per velocizzare la preparazione della bevanda.

Preparazione del Golden Milk

Una volta ottenuta la vostra pasta di curcuma, si passa alla preparazione vera e propria della bevanda. La ricetta del Golden Milk infatti non prevede solo latte e curcuma, ma anche altri semplici ingredienti che combinati insieme sono un potente concentrato di benefici.

Ingredienti per una tazza:

  • un cucchiaino di pasta di curcuma
  • una tazza di latte vegetale a scelta.
  • 1 cucchiaino raso di olio di semi biologico (va bene anche l’olio di cocco per uso alimentare)
  • 1 cucchiaino di sciroppo di agave
  • un pizzico di cannella in polvere

Preparazione Golden milk

  • Scaldate la tazza di latte, secondo la ricetta originale ci vorrebbe appunto un latte vegetale (soia, mandorle, riso o avena).
  • Aggiungetevi un cucchiaino di pasta madre di curcuma, poi l’olio vegetale (va bene ad esempio anche quello di cocco), sciroppo di agave e la cannella.
  • Mescolate il tutto con un cucchiaino per far miscelare bene i vari ingredienti.
  • Ora potete sorseggiare il vostro magnifico latte d’oro.

Per apprezzarne i benefici, l’ideale sarebbe consumarne una tazza al giorno per almeno 40 giorni.
Potete sorseggiarlo alla sera prima di andare a dormire o la mattina a colazione.

A me piace berlo anche freddo.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo e nel mio gruppo facebook !!!




RICOTTA DI MANDORLE

Dopo la RICOTTA DI SOIA ,RICOTTA DI OKARA DI SOIA ,RICOTTA DI OKARA DI MANDORLE ( PARTENDO DA LATTE AUTOPRODOTTO DI MANDORLE) OGGI Partendo da soli due ingredienti, latte di mandorle e limone, vi propongo questa RICOTTA DI MANDORLE formaggio vegetale delicato e vellutato, ideale da usare sia in ricette dolci che salate.

INGREDIENTI

  • 1 l di latte di mandorle fatto in casa o acquistato ( in fondo all’articolo troverete la mia ricetta del latte di mandorle)
  • 3/4 cucchiai  di succo di limone

PROCEDIMENTO

  • Portare a bollore il latte di mandorla in un pentolino, poi spegnete la fiamma e aggiungete il succo di limone.
  • Mescolate per circa 1 minuto.
  • A questo punto coprite con un coperchio e lasciare “cagliare” e raffreddare il composto per almeno 20 minuti.
  • Trascorso questo tempo munitevi di un colino a maglie fitte,oppure uno scolapasta in entrambi i casi ricoperti con un telo pulito e versatevi il composto, che lascerete colare …dovrete avere più pazienza rispetto alla ricotta di soia e far colare per almeno 1 ora .
  • a questo punto la vostra ricotta è pronta per essere utilizzata sia in preparazioni dolci che salate .

Vi consiglio di usare un latte di mandorle fatto in casa o uno con una elevata percentuale di mandorle negli ingredienti in modo da assicurarvi una buona resa di questa ricotta.

Se non volete autoprodurlo vi sconsiglio vivamente quello dell’Alpro in quanto il latte( anche quello di soia per la ricotta di soia)di questa marca contiene calcio e quindi la riuscita della ricotta è più ostica verrà comunque ma bisognerà aggiungere molto più limone o molto più aceto di mele.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o se la riprodurrai fammelo sapere qui con un #like e/o un #commento.

LATTE DI MANDORLA E RICOTTA DI MANDORLE




LATTE DI MANDORLA E RICOTTA DI MANDORLE

Il latte di mandorla che sia autoprodotto o pronto all’uso , rimane l’ingrediente principale e più utilizzati nella pasticceria siciliana,

Ma per me il segreto di questa ricetta sta proprio nell’autoproduzione del latte di mandorle che gli conferisce un sapore più aromatico e intenso.

Ingredienti per 1 litro di latte

  • 100 g di mandorle già sbucciate
  • 1 lt di acqua
  • 20 g di ERITRITOLO oppure 1 cucchiaio di sciroppo d’AGAVE

PROCEDIMENTO LATTE DI MANDORLE

  • Prima di tutto, mettete le mandorle in ammollo in una ciotola con acqua a temperatura ambiente per una notte in modo da farle ammorbidire. 
  • Trascorso questo tempo, scolatele ma conservate l’acqua dell’ammollo a cui dopo dovrete aggiungere l’acqua necessaria per arrivare a un litro.
  • Frullate le mandorle nel frullatore  aggiungendo a poco a poco l’acqua ed il dolcificante.
  • munitevi di un colino capiente o di uno scolapasta foderato con un canovaccio pulito o una garza : filtrate ora l’acqua in modo da separarla dalla polpa di mandorle (non gettatela via! La polpa avanzata detta okara servirà come ingrediente per altre ottime ricette come i biscotti, formaggio vegano come anche la ricotta  ed altri piatti ).
  • Infine, con l’aiuto di un imbuto, versate il vostro latte in una bottiglia di vetro.
  • Ecco pronto il  buonissimo latte di mandorle fatto in casa.

RICOTTA DI OKARA DI MANDORLE

Dopo

✅la ricotta di soia,

✅la ricotta con okara di soia,

✅la ricotta di mandorle,

Oggi vi propongo la ricotta con okara di mandorle,

  • Ottima per recuperare i resti delle mandorle dopo la preparazione del latte
  • Naturalmente gluten free
  • Nutriente ma con poche calorie

INGREDIENTI

  • 100 g di okara di mandorla
  • 50 gr yogurt di soia vegetale bianco e non zuccherato
  • 100 ml di acqua
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di olio evo

PROCEDIMENTO

1

Frulla il tutto fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo.

2

Trasferisci la crema ottenuta in un colino foderato con un canovaccio oppure in una fuscella.

3

Lascia riposare in frigorifero , quindi usa la tua ricotta vegetale come preferisci.

Se ti è piaciuta questa ricetta e/o la riprodurrai ,fammelo sapere con un #like o un commento qui sotto l’articolo




” LATTE DI SOIA “

Latte vegan: Tante le varietà di bevande vegetali da tenere d’occhio

Se sei vegano, vegetariano o intollerante al lattosio probabilmente sei alla ricerca di un sostituto del latte vaccino da inserire nella tua dieta quotidiana. Fortunatamente, a differenza di alcuni anni fa oggi ti basta entrare in un qualsiasi supermercato per avere l’imbarazzo della scelta.Ma perché non provare a farselo in casa ? È molto semplice ..-:)

Latte di soia

Completamente privo di colesterolo , quello di soia è il sostituto di latte animale più diffuso attualmente. La soia è il legume preferito per molti vegani. Infatti, con questo legume non si producono solo bevande , ma anche cotolette, burger …etc.

Tornando al latte di soia, si tratta di una bevanda con pochi lati negativi.

  • È povera di grassi,
  • Contiene amminoacidi essenziali,
  • è priva di colesterolo ,
  • contiene proteinevitaminefibre e minerali.
  • Controindicazioni: Sia che te lo autoproduca ,sia che tu lo compri , a causa della sua produzione su larga scala effettuata ” A VOLTE ” attraverso colture intensive che sfruttano il suolo e prevedono l’uso di molti pesticidi, Ti consiglio di cercarne una variante biologica.

E finalmente ecco la mia ricetta collaudata per il mio Latte di soia 🙂

LATTE DI SOIA arricchito con calcio

Qui le dosi per circa 2 litri di ottimo latte di soia:

  • 210 gr di fagioli di soia gialla bio
  • 1,8 l d’acqua
  • 1 pezzetto di alga kombu ( gli conferirà quella tipica sapidità e lo arricchirà di calcio .
  • 1 cucchiaio di olio di cocco ( opzionale inserito fuso durante l’ammollo ) servirà a non  farlo separare in frigo, ma soprattutto Ricco di polinsaturi riduce il carico glicemico  dell’avena e della soia , oltre ad apportare proprietà anti ossidanti. Ovviamente un olio di cocco  spremuto a freddo, vergine  e bio!

La ricetta per preparare il latte di soia fatto in casa

Si inizia mettendo in ammollo la soia in frigo per almeno per 12 ore.
Scolate e sciacquate la soia.

Mettete nel frullatore la soia con parte dell’acqua che servirà  . Iniziate a frullare fino ad ottenere una purea. Aggiungete se necessario poco alla volta acqua per rendere più liquido il composto, che deve risultare cremoso.

Versare la crema così ottenuta nella pentola, con la restante acqua e l’alga kombu, portare a ebollizione e fate cuocere per 15 minuti circa ,mescolando continuamente perché non si attacchi. La schiuma che si forma può anche non essere  eliminata.

adesso filtriamo!

A questo punto spegnere il fuoco e filtrate: su un pentolino stendete sopra un canovaccio o una garza di cotone, oppure un colino grande a maglie molto fitte.

Il latte di soia è pronto, aggiungete l’olio di cocco fuso.Lo si può bollire ancora un’ora per renderlo più denso, eventualmente aggiungendo  vaniglia o di cannella per aromatizzare.

Oppure dolcificare a piacere sia con lo sciroppo d’agave o altro dolcificante.

Agitate la bottiglia prima di berlo, per farlo amalgamare bene. Si conserva fino a 7 giorni nella parte fredda del frigo.

Ricordate che la poltiglia che rimane ( alga kombu compresa )non è un rifiuto! ( tecnicamente chiamata okara )Si può aggiungere all’impasto di biscotti,  e burger usare come fertilizzante per le piante o mescolare al cibo degli animali.

https://viaggieassaggifelici.blog/2021/01/25/ricotta-di-soia/
https://viaggieassaggifelici.blog/2021/01/25/ricotta-di-soia/
https://viaggieassaggifelici.blog/2021/01/18/cotolette-di-okara-di-soia/
https://viaggieassaggifelici.blog/2021/02/01/frittata-di-okara-di-soia/
https://viaggieassaggifelici.blog/2020/12/01/pane-con-okara-di-soia/
https://viaggieassaggifelici.blog/2020/11/24/ricotta-di-okara-di-soia/
https://viaggieassaggifelici.blog/2020/11/24/ricotta-di-okara-di-soia/

Se ti è piaciuta questa ricetta metti un #like e commenta sotto l’articolo e fammi sapere se la riprodurrai in casa!!!

Se vi va di seguire le altre mie ricette dolci e salate potete iscrivervi anche al mio gruppo Facebook Viaggi&AssaggiFelici

https://www.facebook.com/groups/viaggieassaggifelici.blog/?ref=share




” LATTE DI AVENA “

LATTE VEGAN : TANTE LE VARIETA’ DI BEVANDE VEGETALI DA TENERE D’OCCHIO !!!

Se sei vegano, vegetariano o intollerante al lattosio probabilmente sei alla ricerca di un sostituto del latte vaccino da inserire nella tua dieta quotidiana. Fortunatamente, a differenza di alcuni anni fa oggi ti basta entrare in un qualsiasi supermercato per avere l’imbarazzo della scelta.Ma perché non provare a farselo in casa ? È molto semplice ..-:)-

Latte di avena

Il latte vegetale d’avena è ricco di proteine e proprietà benefiche, oltre che povero di glutine.

L’avena è un cereale utilizzato fin dall’antichità e oggi riscoperto per le sue proprietà e le sue caratteristiche.

  • Ha un basso indice glicemico, quindi anche per coloro che devono tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue, come i diabetici.
  • aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo 
  • ed è molto povero di glutine.
  • Contiene ferromagnesio e alcune sostanze, i beta-glucani

Con l’avena si ottiene un latte vegetale dal sapore delicato, che puoi preparare in casa con pochi ingredienti e strumenti.

E finalmente ecco la mia ricetta collaudata per il mio Latte di soia -:)

LATTE DI AVENA arricchito con calcio

..sono 2 anni che provo per dei risultati ottimali 🙋🏼‍♂️🥰

Qui le dosi per circa 2 litri di ottimo latte di avena :

  • 200 gr di fiocchi di avena bio ( IN FONDO ALL’ARTICOLO TROVERETE IL LINK PER POTER ACQUISTARE I FIOCCHI BIO CHE USO IO)
  • 2,5 l d’acqua ( anche 3 litri)
  • 1 pezzetto di alga kombu ( gli conferirà quella tipica sapidità e lo arricchirà di calcio,IN FONDO ALL’ARTICOLO TROVERETE IL LINK PER POTER ACQUISTARE l’alga kombu che CHE USO IO)
  • 1 piccolo cucchiaino di olio di cocco ( opzionale aggiunto fuso alla fine direttamente nella bottiglia) servirà a non farlo separare in frigo, ma soprattutto Ricco di polinsaturi riduce il carico glicemico dell’avena e della soia , oltre ad apportare proprietà anti ossidanti. Ovviamente un olio di cocco spremuto a freddo, vergine e bio! IN FONDO ALL’ARTICOLO TROVERETE IL LINK PER POTER ACQUISTARE l’OLIO DI COCCO che CHE USO IO)

La ricetta per preparare il latte di avena fatto in casa

Si inizia mettendo in ammollo in frigo l’avena per almeno per 12 ore con tutta l’acqua che serve .

Dopo di che frullare con frullatore ad immersione.

E adesso filtriamo!Con un colino grande a maglie strettissime o uno scolapasta e sopra un canovaccio, separiamo l’okara ( ciò che rimane dell’avena frullata ) dal liquido che sarà il nostro latte di avena.

Il latte è pronto, aggiungete l’olio di cocco fuso.

  • Lo si può arricchire con un dolcificante preferito o una mela o banana frullata, eventualmente aggiungendo anche vaniglia o cannella per aromatizzare.
  • Agitate la bottiglia prima di berlo, per farlo amalgamare bene.
  • Si conserva fino a 7 giorni nella parte fredda del frigo.

Ricordate che la poltiglia che rimane ( compresa alga kombu)non è un rifiuto! ( tecnicamente chiamata okara )Si può aggiungere all’impasto di biscotti, e burger usare come fertilizzante per le piante o mescolare al cibo degli animali .

https://viaggieassaggifelici.blog/2020/12/01/polpette-di-avena-e-pane/







Se ti è piaciuta questa ricetta metti un #like e commenta sotto l’articolo e fammi sapere se la riprodurrai in casa!!!




TÈ CISTUS INCANUS & CITRONELLA

L’usanza secolare di bere Tè e infusi di questa pianta, dimostra chiaramente il suo valore per il benessere umano. “Cistus Incanus spp. Tauricus” è stata ricononosciuta  anche come “Pianta Europea 1999”.

✔️Supporta la protezione delle cellule dallo stress ossidativo

Vitamina E

Scegli l’intensità della tua bevanda preferita:

 Fai bollire l’acqua
Metti da 2 a 4 g di miscela in un 
infusore e in una tazza aggiungi
circa 200 ml di acqua bollente.
                       Lascia riposare per 10 minuti,
                    e goditi il tuo Tè in buona compagnia!