1

LA FRIZZANTE AMSTERDAM

Amsterdam è frizzante !!!

È questa la prima cosa che abbiamo pensato dopo essere arrivati. È una città piena di vita, mai banale, molto più bella di quanto si possa immaginare.

Amsterdam è bella, anzi, di più. E‘ una delle città europee che ho visitato , nella quale , un pò come a Barcellona, mi è venuto da pensare: “Io qui ci verrei a vivere”

Visitare Amsterdam è seguire il corso dei canali attraversando i suoi quartieri più belli, un ponte dopo l’altro. È sbirciare nelle case un po’ storte e senza tende alle finestre, per provare a conoscere meglio i suoi abitanti. È la dolcezza di un mazzo di tulipani blu e l’aria festosa di Piazza Dam. Ma visitare Amsterdam è anche capire che i ciclisti hanno sempre la precedenza. Forse quest’affermazione vi può far sorridere, ma per sopravvivere nella capitale olandese è fondamentale prestare attenzione alla biciclette che sfrecciano ad una velocità pazzesca e che hanno la precedenza su tutto e tutti.

Amsterdam è anche molto GAY FRIENDLY . L’ Amsterdam gay è una realtà ormai consolidata. Probabilmente per la sua natura da sempre anticonformista, in città si respira aria di libertà.

Ci sono zone in cui è maggiore la presenza della comunità gay. Parliamo, comunque, del centro di Amsterdam. Dintorni di Piazza Dam compresi. Reguliersdwarstraat, poco lontana dal Mercato dei fiori, per esempio, è riconosciuta come la via più arcobaleno dell’intera città, con i suoi rinomatissimi Soho e Taboo.

In questo articolo vi racconto cosa dovete assolutamente fare ad Amsterdam se avete solo pochi giorni a disposizione.

Situata su di un braccio di mare e sul corso canalizzato dellAmstel, ha forma circolare; numerosi canali la dividono in molti gruppi di isole, riunite le une alle altre da centinaia di ponti. Perciò Amsterdam è detta la Venezia del Nord.

Amsterdam in 3 giorni: cosa fare e cosa vedere !

1. Passeggiare lungo i canali

La prima cosa da fare ad Amsterdam è perdersi, camminare senza meta, un ponte dopo l’altro, una via dopo l’altra, seguendo il corso dell’acqua. Amsterdam vanta una rete di canali lunga più di cento chilometri, quindi è praticamente impossibile che vi troviate a passeggiare senza vederli. I riflessi delle case, le houseboats ormeggiate e piene di fiori, il tintinnìo dei campanelli delle biciclette, sono queste le immagini che associo ai nostri 3 giorni ad Amsterdam.

2. Piazza Dam

Piazza Dam è la piazza più importante e famosa di Amsterdam, un continuo brulicare di vita ad ogni ora del giorno e della notte, un susseguirsi di negozi di souvenir e di ristoranti che offrono cucina da ogni parte del mondo !!!

Piazza Dam non è però solo divertimento e cibo multietnico, ma anche il punto di partenza per visitare e ammirare gli edifici che vi si affacciano. Dalla Chiesa Nuova (Nieuwe Kerk) al Palazzo Reale, dal museo delle cere di Madame Tussauds all’obelisco dedicato ai caduti della Seconda Guerra Mondiale. E, se non vi basta ancora, basta spostarsi di qualche passo per trovare, alle spalle del Palazzo Reale, anche il piccolo centro commerciale Magna Plaza.

Piazza Dam è Un’immagine che in soli 3 giorni mi è diventata familiare e che associo alle nostre risate, ai sorrisi davanti agli artisti di strada e al nostro ripartire sempre da qui per scoprire la città.

3. Vedere “I Girasoli” al Museo di Van Gogh

Sia che amiate l’arte sia che non siate grandi intenditori, è assolutamente d’obbligo una visita al Van Gogh Museum, la più grande collezione al mondo di opere del pittore olandese. Da “I mangiatori di patate” a “La camera di Vincent ad Arles”, da “Campo di grano con volo di corvi” a una bellissima versione de “I Girasoli”, ricavatevi almeno un paio d’ore per poter vedere tutto con la dovuta calma. Le sale propongono non solo molti dei dipinti più emozionanti e più noti di Van Gogh, ma anche i suoi disegni, i suoi schizzi e alcuni oggetti personali.

Io sono molto legato a questo Pittore , avevo già visto qualche anno fa un film sulla sua vita e vedere dal vivo la sua arte a tratti così drammatica e vera è come se mi avesse fatto vivere insieme a Lui la sua tormentata vita.

Vi avviso però che c’è sempre una fila interminabile all’ingresso, quindi fate in modo di comprare il biglietto online in anticipo, per evitare inutili perdite di tempo.

In alternativa potete decidere di visitare il Rijksmuseum o il Museo Stedelijk di Arte Moderna, che danno il nome, insieme al Van Gogh Museum, al Quartiere dei Musei (Museumplein).

Per finire concedetevi una passeggiata nel giardino di fronte al Rijksmuseum !!!

4. Rilassarsi a Vondelpark

Oltre al giardino, sempre all’interno del Quartiere dei Musei, c’è il parco più bello di AmsterdamVondelpark. Un curatissimo parco all’inglese di ben 45 ettari, in cui non manca nulla. Aiuole colorate, laghetti, fontane, il polmone verde della città.

5. Il quartiere a luci rosse (Red Light District)

Il quartiere a luci rosse di Amsterdam è anche conosciuto come De Wallen (“le mura”) ed è il più antico della città. Un intricato dedalo di stradine, non particolarmente illuminate, in cui la trasgressione viene non solo tollerata ma esaltata. Pesanti tende in velluto scuro e calde luci rosse fanno da sfondo a ragazze in abiti succinti che ammiccano in vetrina. Biancastre nuvolette di fumo aleggiano nei coffee-shop. Qui il sesso a pagamento e le droghe leggere sono regolamentati, la sicurezza costante e i controlli sanitari evitano un degrado altrimenti inevitabile e danno una parvenza di normalità a sexy-shop e bordelli. Ma Amsterdam è anche questo. È il caos sguaiato di orde di giovani turisti che vengono qui solo per festeggiare improbabili addii al celibato, è lo sguardo insistente di chi cerca una compagnia piccante, è una fugace occhiata curiosa di chi vuole solo capire come tutto ciò si integri nella città.

Mentre camminavamo tra le vie, ammetto però di essermi più volte ritrovata a credere che dietro le porte di questi bordelli si nasconda una malcelata tristezza, di chi esibisce il proprio corpo nascondendone l’anima, di chi cerca del facile sesso mentre vorrebbe amore. Ma è solo un mio pensiero.

Dove mangiare vegan bene ?

Amsterdam è recentemente diventata in questi ultimi anni la capitale vegana d’Europa , basterà aprire una delle APP più famose , come HAPPY COW , PER TROVARE un gran numero di ristoranti e snack bar vegani. Altri ristoranti offrono più opzioni vegane che mai. Probabilmente avete sentito parlare di alcuni grandi nomi come il Vegan Junk Food Bar, Meatless District, Dophert e il nuovo Mr & Mrs Watson. Ma dove sceglieresti di mangiare?

Scopriamo insieme solo alcuni tra i migliori ristoranti e locali veg-friendly ad Amsterdam dove sono stato e che vi consiglio.

1.TerraZen Centre

Caffè vegano vicino a piazza Dam, gestito da una famiglia Jamaicana , all’interno vieni catapultato direttamente in un tipico bar giamaicano.

Il menu combina sapori e ingredienti caraibici e giapponesi. Assaggia piatti come l’hamburger vegano fatto in casa, l’insalata di quinoa, gli involtini primavera freschi, gli udon noodle, l’insalata di alghe hijiki e le varianti di cheesecake e dessert vegani. Le bevande offerte includono frullati di frutta, tè e caffè.

Piccolo ristorante con circa 6 tavoli alti all’interno e un paio all’esterno. Il menu è ottimo: vario, prezzi buoni. Noi vi consigliamo il VEGAN PLATE , piatto unico , con riso , verdure e CRISPY VEGAN CHICKEN , pepite di “pollo veg” strepitose …ho ancora l’acquolina in bocca !!!

2.Mastino Vegan Pizza

https://www.facebook.com/mastinov

Pizzeria totalmente VEGAN , gestita da ragazzi italiani , la proprietaria Novella , calabrese simpaticissima e disponibilissima !!!

Attratti dalle recensioni abbiamo avuto provare senza troppe aspettative per una pizza da mangiare ad Amsterdam.La realtà ha superato le stesse già lusinghiere recensioni, impasto eccellente che ha mantenuto la sua fragranza anche quando la pizza alla fine si raffredda, ingredienti di eccellente qualità che difficilmente trovi nelle pizzerie in Italia. Complimenti e continuate cosi!

La Vera pizza italiana ,ottima digeribile e di qualità !!!

La migliore pizza che abbia mai mangiato . Le pizze sono deliziose. È un’azienda a conduzione familiare italiana e sono cordiali e attenti. Offrono una buona varietà di sapori con colpi di scena interessanti.

Piccolo Ristorante dove è possibile assistere alla preparazione della pizza. Consiglio vivamente di andarci.

Posso veramente solo dire che ho mangiato la migliore pizza vegan in assoluto mai mangiata !!!

Pizze gourmet , buonissime , non scontate e con un impasto a dir poco spettacolare ,tutte con formaggi vegani veramente ottimi  e autoprodotti,

🌱 mozzarella di lenticchie🌱 Parmigiano🌱 Formaggio piccante di almomd🌱 Tempeh al formaggio blu

Il locale dispone di 6-8 posti a sedere. Le pizze possono avere una base bianca, al farro o alla soia.Il gusto è pieno e armonioso, gli ingredienti sono disposti con parsimonia. La consiglierei per una serata in cui volete viziarvi.

 Posizione ottimale , è proprio nel mezzo del bohémien De Pijp.

In una location molto carina della città, una zona piena di locali, un bellissimo mercato aperto tutti i giorni.. si trova una delle migliori pizzezie di Amsterdam.. Mastino, un nome, una garanzia!

Sono veramente tantissimi i ristoranti, bar , gelaterie…vi basterà scaricare l’applicazione amica Happy Cow (https://www.happycow.net/)e vi si aprirà una lunga lista tutta da gustare.

Se cercate tutto questo contattateci alla BLUVACANZE DI MILANO VIA PADOVA per delucidazioni, approfondimenti e preventivi dettagliati , non ve ne pentirete !!! Vi consiglieremo anche l’hotel più strategico per visitare la città !!!

Hai ancora bisogno di aiuto ?Hai domande o hai bisogno di una mano? Siamo qui per aiutarti. Contatta il tuo amichevole e personale consulente di supporto tramite WhatsApp.